Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Si è svolta nei giorni scorsi a Bruxelles - presso la sede CEN - la seconda riunione del comitato CEN/TC 437 "Electronic cigarettes and e-liquids" che ha il compito di sviluppare standard tecnici di qualità e sicurezza per la produzione e la vendita di sigarette elettroniche in Europa, in accordo con la nuova Direttiva 2014/40/EU sulla lavorazione, presentazione e vendita dei prodotti del tabacco e dei prodotti correlati che abroga la precedente direttiva 2001/37/CE.

e-cigAl tavolo tecnico erano presenti le delegazioni degli organismi di normazione nazionali di 16 paesi europei, tra cui UNI per l'Italia, rappresentata da Riccardo Polosa dell'Università di Catania (coordinatore del neo-costituito Gruppo di Lavoro UNI e capo delegazione) e da Andrea Puglisi, della Japan Tobacco International (membro del medesimo Gruppo di Lavoro).
Il primo importante passo avanti, in vista dell'imminente adozione della Direttiva Europea sul tabacco da parte degli Stati Membri dell'UE, è stato quindi l'approvazione di un piano d'azione comune che prevede la creazione di quattro distinti gruppi di lavoro all'interno del CEN/TC 437, a cui è seguita la nomina dei rispettivi coordinatori.

Il WG 1 ("Terminology and definitions") si occuperà della elaborazione e adozione di una terminologia comune per armonizzare i documenti normativi per standard di qualità e sicurezza, e sarà coordinato da Andrea Puglisi e Sudhanshu Patwardhan (del BSI).

Il WG 2 ("Requirements and test methods for electronic cigarette devices") tratterà i requisiti e i metodi di prova per gli standard di produzione, sicurezza e qualità che saranno elaborati dai gruppi di lavoro e avrà come coordinatore Wolfgang Trinkies del DIN.

Il WG 3 ("Requirements and test methods for e-liquids") sarà dedicato alla elaborazione di norme sulle etichettature e le informative relative agli ingredienti presenti nei liquidi, per una corretta informazione del consumatore. Sarà coordinato da Tom Pruen del BSI.

Infine il WG 4 ("Requirements and test methods for emissions") avrà come obiettivo lo sviluppo di metodologie, requisiti e test di laboratorio da adottare per la misurazione qualitativa e quantitativa dei vapori emessi dalle e-cig. Il convenor sarà Riccardo Polosa, che dovrà quindi coordinare il lavoro di una cinquantina di esperti da tutta Europa per l'elaborazione dei test tossicologici sulle emissioni provenienti dall'aerosol delle sigarette elettroniche e la definizione dei relativi standard di qualità e sicurezza.
Un riconoscimento importante per l'Italia, che conferma il suo ruolo di rilievo nei tavoli di lavoro europei e internazionali.

"La questione della regolamentazione delle sigarette elettroniche", dichiara Riccardo Polosa, "è stata al centro di un vivace dibattito etico-scientifico che mi ha tenuto costantemente impegnato a livello internazionale. Per questo, la mia elezione a convenor del CEN/TC 437/WG 4 è certamente motivo di orgoglio. Ma sono anche cosciente del compito impegnativo che mi è stato affidato. La nostra mission è quella di stabilire standard qualitativi basati sulle evidenze scientifiche. Il nostro obiettivo è quello di definire quali sostanze tossiche presenti negli aerosol generati dalle sigarette elettroniche sono un pericolo concreto per la salute degli utilizzatori e quali norme utilizzare per dosarli. Spero che il lavoro del WG 4 possa tradursi in una giusta e proporzionata regolamentazione che possa essere di esempio non solo in Europa ma anche a livello mondiale".

Con la definizione dei coordinatori dei gruppi di lavoro”, conclude Andrea Puglisi, “si apre un capitolo molto interessante per il mondo della normazione, perché l’industria della sigaretta elettronica è giovane ed è tuttora in continua evoluzione. La sfida dunque consiste nel definire i requisiti e i metodi per l’analisi del prodotto e allo stesso tempo permettere a questo settore di continuare sulla strada dello sviluppo e dell’innovazione. Il tutto all’interno del quadro regolamentare e legislativo definito dalla direttiva europea. Come convenor del WG 1, insieme al collega Sudhanshu Patwardhan, svilupperemo il ‘linguaggio’ che sarà utilizzato da tutti e quattro i gruppi di lavoro del CEN/TC 437. I termini e le definizioni sono le fondamenta per la costruzione di ogni norma tecnica e in quanto tali dovranno essere chiari, solidi e funzionali”.

La prossima riunione del tavolo tecnico CEN/TC 437 si terrà a Varsavia il 16 giugno prossimo.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.