Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Dal 2 febbraio entrerà in vigore la Legge 28 dicembre 2015, n. 221 (fonte: normattiva.it), pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale lo scorso 18 gennaio (GU n.13 del 18-1-2016), che tratta le "Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell'uso eccessivo di risorse naturali".
Il tema, di per sé importante per quanto riguarda lo sviluppo sostenibile, assume un significato ancora più rilevante in quanto il provvedimento legislativo ora pubblicato fa ampio riferimento alle norme tecniche, in un’ottica di concreta incentivazione al loro utilizzo.

Vediamo il dettaglio.
L’articolo 10 (Capo III "Disposizioni in materia di emissioni di gas a effetto serra e di impianti per la produzione di energia") apporta modifiche al decreto legislativo 13 marzo 2013, n. 30 e prevede che parte dei proventi dell'asta delle quote di emissione dei gas serra sia destinato anche ai costi di acquisto in settori sottoposti a concorrenza extra-UE, dando priorità alle organizzazioni certificate UNI CEI EN ISO 50001.

L'articolo 16 (Capo IV "Disposizioni relative al Green public procurement") prevede che nel codice dei contratti pubblici sia garantita una riduzione del 20% della garanzia o del suo rinnovo a fornitori certificati UNI EN ISO 14001 e del 15% se gestiscono l'inventario dei gas serra secondo la UNI EN 14064-1 o la carbon footprint secondo la UNI CEN ISO/TS 14067 (decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, articolo 75, comma 7).

L'articolo 17 ("Disposizioni per promuovere l'adozione dei sistemi EMAS ed Ecolabel UE") prevede che nel campo del green public procurement la certificazione UNI EN ISO 14001 e UNI CEI EN ISO 50001 costituiscano "elemento di preferenza" nelle graduatorie per l'assegnazione di contributi, agevolazioni e finanziamenti in materia ambientale.

L’articolo 23 (Capo V "Disposizioni incentivanti per i prodotti derivanti da materiali post consumo o dal recupero degli scarti e dei materiali rivenienti dal disassemblaggio dei prodotti complessi") prevede che negli accordi e nei contratti di programma a favore di questo genere di prodotti siano premiate le attività di impresa e commercializzazione, nonché i prodotti marcati CE conformi alle norme UNI EN 13242, UNI EN 12620 e UNI 10667-13 (decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, articolo 206-ter). I bandi per la progettazione di interventi e l'uso di materiali per l'efficienza acustica delle scuole devono inoltre essere conformi alle norme UNI 11367 e UNI 11532 (decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, articolo 206-sexies).

L'articolo 25 ("Modifica all'allegato 2 al decreto legislativo 29 aprile 2010, n. 75, in materia di fertilizzanti") comprende tra i fertilizzanti ammessi provenienti dal processo di compostaggio anche i rifiuti in plastica certificati UNI EN 13432.

Infine l'articolo 73 ("Disposizioni in materia di impianti termici civili alimentati da gas combustibili"). Esso esclude dal campo di applicazione dei requisiti tecnici e costruttivi degli impianti termici civili quelli conformi alla norma UNI 11528 (decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, Parte V - Allegato IX - Parte II), eccezion fatta per le disposizioni di cui al numero 5 ("Apparecchi indicatori").

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.