Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Mentre il turismo comporta in generale molti vantaggi, sia per chi lo fa che per chi lo accoglie, non altrettanto può dirsi per l'impatto ambientale che esso genera. Si è visto infatti che le risorse che consumiamo in vacanza, in qualità di turisti, sono spesso molto maggiori rispetto a quelle che utilizzeremmo rimanendo a casa, nello svolgimento della vita di tutti i giorni.

turismo sostenibile01Recentemente è stata però elaborata dall'ISO una nuova serie di linee guida che si propone proprio l'obiettivo di ridurre questi impatti negativi causati dal turismo sugli esercizi ricettivi, mantenendone tuttavia i vantaggi. Anzi, cercando di aggiungerne qualcuno in più...
Parliamo dell'ISO/TS 13811,"Guidelines on developing environmental specifications for accommodation establishments aims", cioè "Linee guida sullo sviluppo di specifiche ambientali per le strutture ricettive”"
Questo documento si propone di contribuire a preservare l'ambiente naturale e la sua biodiversità, tenendo conto delle esigenze e delle specificità locali.

Sviluppato dall'ISO/TC 228 "Tourism and related services", la cui segreteria è seguita da AENOR (Spagna) e da INNORPI (Tunisia), la specifica tecnica è il risultato della collaborazione degli esperti di diversi organismi di normazione nazionali e di importanti partner internazionali, quali GSTC (Global Sustainable Tourism Council) e HOTREC (Hospitality Europe – The umbrella association of Hotels, Restaurants and Cafés in Eurpope).

La signora Tuba Ulu Yilmaz, project leader e convenor del gruppo di lavoro 10 dell’ISO/TC 28, reputa che la specifica tecnica possa diventare un utile riferimento tecnico per una vasta gamma di stakeholder e parlando di questo documento ha aggiunto: "l'ISO/TS 13811 è rivolto a Paesi con nessuna regolamentazione, proprio per aiutarli a realizzarne una. E’ rivolto anche a organismi nazionali e internazionali per valutare e armonizzare i loro regimi o i loro attuali sistemi di certificazione. Infine si rivolge ai consumatori che responsabilmente scelgono di fare le loro vacanze dove esiste l’attenzione per l'ambiente . Il fine di questa nuova specifica tecnica”, conclude, “sarà quello di promuovere la sostenibilità ambientale ed aumentare il livello di qualità generale del settore turismo".

Le linee guida delineano una serie di punti che le strutture ricettive devono considerare per ridurre il loro impatto sull’ambiente: dal cercare di non sprecare risorse, al ridurre l'inquinamento, a una più efficace gestione dei rifiuti, così come altre iniziative che possono dare un contributo positivo all’ambiente in cui esse operano. Questo include azioni pratiche come il ripristino di aree naturali, la valorizzazione delle bellezze paesaggistiche, la sensibilizzazione e l’educazione del personale, dei clienti e dell'intera comunità all’importante ruolo che possono svolgere.
Perché la tutela dell’ambiente non è un capriccio individuale, ma un’esigenza collettiva.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.