Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

irrigation projectNelle zone aride dove l’acqua scarseggia, le acque reflue trattate rappresentano una risorsa essenziale per l’agricoltura, possono favorire le economie, garantire la sopravvivenza di comunità che risiedono in quelle regioni e presentare un vantaggio nei confronti dell’ambiente.
Una norma internazionale relativa alle acque reflue da utilizzare nei sistemi di irrigazione agricoli aiuterà a ottimizzare i vantaggi legati al loro utilizzo e a ridurne i rischi associati.

La serie ISO 16075:2015 – suddivisa in più parti – contiene le linee guida per lo sviluppo e la realizzazione di progetti volti all’utilizzo, in irrigazione, di acque reflue trattate. La serie riguarda la progettazione, i materiali, la costruzione e le prestazioni e tiene conto della qualità dell’acqua, delle tipologie di colture che possono essere irrigate, dei rischi associati e dei principali elementi che compongono un progetto di riutilizzo in irrigazione (per esempio la rete di tubazioni e i serbatoi).

Jorge Tarchitzky, presidente dell’ISO/TC 282 "Water re-use" / SC 1 "Treated wastewater re-use for rrrigation" che ha elaborato la serie di norme, spiega che “la scarsità d’acqua colpisce già tutti i continenti. La qualità delle acque sotterranee diminuisce; torrenti, fiumi, mari, terreni e piante vengono inquinati dalle acque di scarico oppure soffrono del loro mancato utilizzo o di trattamenti impropri.
Le acque reflue trattate in modo appropriato sono una risorsa ideale per sostituire l’utilizzo di acqua dolce in agricoltura. Possono essere utilizzate per la bonifica dei terreni, migliorare la produzione agricola, ridurre i costi legati ai fertilizzanti. Dal punto di vista ambientale, un utilizzo produttivo delle acque reflue trattate offre un mezzo per prevenire danni ecologici a fonti d’acqua. E oltre all’agricoltura, le acque reflue trattate possono essere destinate a un riutilizzo urbano e industriale”
.

Dal titolo comune “Guidelines for treated wastewater use for irrigation projects”, la serie di norme si compone di tre parti:

  • ISO 16075-1 “The basis of a reuse project for irrigation” contiene le linee guida per ogni elemento di un progetto che utilizza le acque reflue per l’irrigazione
  • ISO 16075-2 “Development of the project” riguarda i criteri di progettazione e le specifiche per la qualità
  • ISO 16075-3 “Components of a reuse project for irrigation” copre i componenti di un progetto per l’utilizzo di acque reflue a fini di irrigazione.
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.