Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Le norme tecniche sono strumenti a supporto dello sviluppo e della crescita.
E' questa una delle principali conclusioni del convegno organizzato da CNA (Confederazione Nazionale dell'Artigianato e della Piccola e Media Impresa) e da UNI che si è tenuto oggi a Roma.
L'incontro, dal titolo "Norme tecniche e Pmi. Strumenti e prospettive a sostegno della competitività", è stato un'importante occasione per fare il punto sul rapporto sinergico che esiste - e che può essere ancor più rafforzato - tra la normazione e il sistema socio-economico nazionale.

In questa prospettiva, uno degli snodi principali consiste nel facilitare quanto più possibile il rapporto fra le Pmi e le norme tecniche. Si tratta di un aspetto fondamentale per la crescita.
"Anche l'Europa con il Regolamento 1025/2012" - ha detto il Presidente dell'UNI, Piero Torretta - "ha sancito tale necessità. In questi anni ci siamo impegnati per raggiungere questo obiettivo, ottimizzando le risorse disponibili, cercando di combinare una equilibrata politica commerciale sul valore di vendita delle norme, per consentire che nel nostro Paese, come accade ad altri nostri Paesi competitori, la norma diventasse strumento di competitività, sostegno del Made In Italy, garanzia di sicurezza dei prodotti e dei processi e di tutela delle persone e dell'ambiente. Oggi però è necessario che le risorse che le imprese, attraverso l'Inail, già destinano alla normazione non siano compromesse da una politica miope di spending review".

d vaccarino cnaAnche il Presidente della CNA, Daniele Vaccarino, sottolinea il valore della normazione tecnica.
"Per competere con successo sul mercato le nostre imprese devono imboccare con decisione percorsi di qualità puntando alla valorizzazione del capitale sociale e umano, e alla valorizzazione delle proprie produzioni. Valorizzare vuol dire trasferire ogni giorno al mercato, con gli strumenti giusti di comunicazione, tutela e gestione, tutto ciò che facciamo di qualità. Scelte strategiche che incrociano direttamente, proprio sulla qualità, la questione delle norme tecniche".

Inutile nascondere che in passato la reale comprensione del valore e delle potenzialità delle norme è stata talvolta problematica. Ma la partecipazione della CNA ai tavoli della normazione tecnica dimostra come esse non siano di ostacolo alle piccole imprese, "ma al contrario supportino al meglio lo sviluppo e la crescita", ribadisce Vaccarino. "Sono proprio le norme tecniche che definiscono le caratteristiche in grado di garantire la qualità dei prodotti, la sicurezza ed il rispetto dell'ambiente. E un prodotto di qualità, sicuro e che rispetta l'ambiente è indubbiamente un prodotto competitivo".

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.