Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

giornata alberi 2015 logoSabato 21 novembre si celebra la "Giornata Nazionale degli Alberi".
Riconosciuta ai sensi dell’articolo 1 della Legge n. 10 del 14/01/2013 ("Norme per lo sviluppo degli spazi verdi urbani"), essa ha l’obbiettivo, attraverso la valorizzazione e la tutela dell’ambiente e del patrimonio arboreo e dei boschi, di promuovere politiche di riduzione delle emissioni, di prevenzione del dissesto idrogeologico e di protezione del suolo, di miglioramento della qualità dell’aria, di valorizzazione delle tradizioni legate all'albero nella cultura italiana, oltre che la vivibilità degli insediamenti urbani.

Proprio a proposito di questi temi, che stanno da tempo al centro dell'agenda del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del territorio e del mare, va citata la prassi di riferimento UNI/PdR 8 "Linee guida per lo sviluppo sostenibile degli spazi verdi - Pianificazione, progettazione, realizzazione e manutenzione", pubblicata nel giugno del 2014 e liberamente scaricabile dal sito internet UNI (scarica).

Il documento, sviluppato da UNI in collaborazione con le associazioni Landeres e BAI – Borghi Autentici d'Italia, consente alle amministrazioni pubbliche, ma anche ai professionisti del settore e alla società civile, di orientare politiche integrate di sostenibilità urbana finalizzate all’estensione e alla qualità degli spazi verdi.
Un paesaggio e gli spazi verdi in esso inclusi possono dirsi di qualità se le attività umane svolte al loro interno sono compatibili con gli ecosistemi di cui si compongono. Ecosistemi che, nella combinazione di processi e risorse, vanno a costituire il capitale naturale di un territorio.

La qualità degli spazi verdi, quindi, è correlata all’azione di tutela dei territori in grado di mantenere beni e servizi funzionali al benessere dell’ambiente e dell’uomo e che rappresentano il valore del territorio stesso.
Gli obiettivi di qualità individuati dalla UNI/PdR 8:2014 - e le azioni indicate per raggiungerli - includono una serie di buone pratiche e metodologie integrate per mantenere elevate quantità e qualità di risorse e servizi eco-sistemici, che soddisfino direttamente o indirettamente i bisogni umani e allo stesso tempo tutelino l'ambiente.
Il documento è destinato ad essere utilizzato da tutti i soggetti della filiera dello sviluppo degli spazi verdi, quali pubbliche amministrazioni, progettisti paesaggisti, operatori e ditte specializzate nella manutenzione degli spazi verdi, vivaisti e produttori di materiale vegetale.

Si ricorda che le prassi di riferimento non sono norme, specifiche tecniche o rapporti tecnici, bensì documenti che introducono prescrizioni tecniche, elaborati sulla base di un rapido processo di condivisione ristretta ai soli autori, sotto la conduzione operativa di UNI.
Le prassi di riferimento sono disponibili per un periodo non superiore a 5 anni, tempo massimo dalla loro pubblicazione entro il quale possono essere trasformate in un documento normativo (UNI, UNI/TS, UNI/TR) oppure devono essere ritirate.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.