Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Attraverso la Commissione Ambiente, UNI intende sviluppare tre norme tecniche nazionali in tema di rifiuti. I tre progetti sono sottoposti in questi giorni ad inchiesta pubblica preliminare: chiunque fosse interessato può inviare i propri commenti entro il 12 novembre 2015, data di fine inchiesta.

Il primo progetto U53003430, futuro rapporto tecnico, ha l’obiettivo di supportare l'applicazione della UNI 10802 "Rifiuti - Campionamento manuale, preparazione del campione ed analisi degli eluati" fornendo esempi concreti di piani di campionamento. Dal titolo “Rifiuti - Esempi di piani di campionamento per l'applicazione della UNI 10802:2013” il TR intende agevolare gli utilizzatori fornendo delle schede contenenti esempi sul campionamento di particolari tipi di rifiuti che non rientrano nel campo di applicazione della UNI 10802, quali ad esempio toner e batterie. Le schede contengono, per ogni tipo di rifiuto, dettagli quali Codici CER di riferimento, foto, giacitura, strategia di campionamento, riferimento a scheda di campionamento, attrezzatura, range delle dimensioni delle particelle, numero e massa degli incrementi, procedura per riduzione del campione, etc.

“Rifiuti e combustibili ricavati da rifiuti - Determinazione della stabilità biologica mediante l'Indice di Respirazione Dinamico (IRD)” è il titolo del progetto U53003440, utile per definire un metodo per la determinazione della stabilità biologica dei rifiuti e dei combustibili ricavati da rifiuti mediante l'Indice di Respirazione Dinamico.

L’ultimo progetto U53003450 “Linee guida per la redazione della documentazione tecnica di manutenzione dei veicoli e delle attrezzature per la raccolta dei rifiuti, lo spazzamento delle strade, i servizi di igiene urbana complementari e collaterali” definisce i contenuti dei manuali di uso corretto e di manutenzione, dei piani tecnico-economici di manutenzione applicabili nel corso della vita attesa dei prodotti, degli elenchi delle parti di ricambio, dei concessionari e officine autorizzate dei veicoli e delle attrezzature utilizzati nell’espletamento dei servizi di raccolta dei rifiuti e di spazzamento delle strade nonché dei servizi complementari e collaterali di igiene urbana. Le difficoltà operative del settore rendono estremamente variabili l’efficienza e l’efficacia del servizio manutenzione in quasi tutte le aziende operanti nel settore di igiene urbana, che si trovano sovente a dover operare su flotte eterogenee di veicoli e attrezzature per le quali la documentazione relativa risulta anch’essa non approfondita al medesimo livello. Il mercato spingerà sempre di più a perseguire anche obiettivi di efficienza, economicità e qualità del servizio erogato (come già avvenuto per altri servizi pubblici), richiedendo di poter operare con ragionevole confidenza rispetto ai piani di manutenzione da attuare e dunque del costo del ciclo di vita mantenendo nel contempo standard di sicurezza elevati.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.