Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Sono otto i progetti di norma di interesse UNIPLAST (Ente Italiano di Unificazione nelle Materie Plastiche) che si trovano nella fondamentale fase dell’inchiesta pubblica preliminare: sino alla data di fine inchiesta, il 12 novembre prossimo, chiunque fosse interessato può inviare i propri commenti (>> vai alla banca dati online).

 Rappresenta l’adozione del CEN/TR 16862:2015 il progetto di norma E1308E820 “Qualificazione del personale addetto alla supervisione delle attività di saldatura di materiali termoplastici” che individua le responsabilità dei compiti, inerenti alla qualità, inclusi nella supervisione delle attività legate alla saldatura di prodotti e semilavorati in materiali termoplastici e fornisce le linee guida per garantire la qualità della supervisione. Il supervisore della saldatura, identificato per mezzo dell’individuazione della sua competenza, abilità e conoscenza, rappresenta un mezzo per l’innalzamento del livello di qualità dei sistemi saldati, compresi quelli che fanno riferimento alla Pressure Equipment Directive (2014/68/CE). La competenza del progetto è del gruppo di lavoro UNIPLAST “Tubi, raccordi, valvole ed accessori”.

 Altri sette progetti sono invece adozioni di norme internazionali ISO.

 Nello specifico: E1301E580 “Materie plastiche - Determinazione dell'indice di giallo e la variazione dell'indice di giallo” (adozione ISO 17223:2014) definisce un metodo strumentale per la determinazione dell'indice di giallo e la variazione dell'indice di giallo per materie plastiche trasparenti, traslucide o opache. La variazione indice di giallo è spesso utilizzata per valutare l'effetto ambientale, ad esempio il calore, l'esposizione ai raggi UV, la stabilità del colore.
E1301E570 “Materie plastiche - Determinazione della chiarezza dell'immagine (grado di nitidezza dell'immagine riflessa o trasmessa)” (adozione ISO 17221:2014) specifica un metodo - applicabile solo a una superficie piana - per la determinazione strumentale della chiarezza dell'immagine su campioni di materie plastiche misurando la riflessione dalla superficie del campione o la trasmissione attraverso il campione. Entrambi i progetti sono di interesse del gruppo “Prove fisico-chimiche” .

 È rappresentativo dei sistemi per la gassificazione anaerobica della frazione organica dei rifiuti solidi urbani il progetto E1307E590 “Materie plastiche - Determinazione della biodegradazione totale e disintegrazioneanaerobica nelle condizioni di digestione anaerobica con elevata concentrazione disolidi - Metodo dell'analisi del biogas rilasciato” (adozione ISO 15985:2014), di competenza del gruppo “Materiali termoplastici - resine”.

Tre i progetti di interesse del gruppo “Materiali cellulari”, che adottano le parti 1, 2 e 3 della ISO 16365 dal titolo generale “Materie plastiche - Poliuretani termoplastici per stampaggio ed estrusione”:

  • E1312E651 “Parte 1: Sistema di designazione e base per specifiche”
  • E1312E652 “Parte 2: Metodi di preparazione delle provette e determinazione delle proprietà”
  • E1312E653 “Parte 3: Distinzione tra poliuretani a base etere e estere dalla determinazione del contenuto delgruppo di estere”.

Infine, il progetto E1321E600 “Materie plastiche - Contenitori di polipropilene prodotti per estrusione-soffiaggio per l'imballaggio di liquidi alimentari” (adozione ISO 13106:2014) fornisce i requisiti delle resine di polipropilene destinate a essere utilizzate per contenitori rotondi destinati al confezionamento di liquidi per il consumo umano. La norma fornisce anche le tolleranze di massa, le dimensioni, i metodi di campionamento, le prove e i requisiti di prestazione. La competenza è del gruppo “Applicazioni di materie plastiche negli imballaggi”.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.