Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

children eatingUn regime alimentare corretto ed equilibrato rappresenta un obiettivo imprescindibile per chi tiene al proprio benessere e vuole condurre una vita sana. Inoltre contribuisce a fornire un sostanziale aiuto per la prevenzione di diversi tipi di malattie.

In quest’ottica la Commissione Agroalimentare ha messo a punto - e recentemente pubblicato - la nuova norma UNI 11584 che fornisce gli elementi per progettare menù destinati alla ristorazione collettiva, pubblica e privata, da parte di Enti pubblici, aziende e professionisti (quindi esclusi esercizi commerciali come ristoranti, bar, ecc.).

Il processo relativo alla progettazione di un menù, per la ristorazione collettiva pubblica e privata, necessita infatti di elementi oggettivi, misurabili e di validità generale, nel quadro di principi definiti e relativi alla sicurezza alimentare, alla salute, alle esigenze della comunità e dei singoli utenti, a principi ispirati allo sviluppo sostenibile, al risparmio energetico, alla riduzione degli scarti alimentari nonché alla tutela degli interessi dei consumatori.

La norma sottolinea l’importanza del fatto che la progettazione dei menù venga effettuata da soggetti con competenze professionali nei rispettivi ambiti di responsabilità tecnico-scientifica, secondo metodologie ispirate a una progettazione condivisa, conoscendo e tenendo in debito conto le esigenze del committente e del consumatore.

La fornitura di linee guida per la preparazione dei menù consente di definire criteri e requisiti per una valorizzazione delle proposte dietetiche dedicate alle diverse collettività, al fine di evitare sprechi e valorizzare i prodotti alimentari impiegati, favorendo la trasparenza dell’offerta al cliente-consumatore.

Ci sono degli elementi che devono essere assolutamente tenuti in considerazione in fase di progettazione dei menù da parte di enti pubblici, aziende e professionisti. Ad esempio la tipologia di collettività a cui sono destinati (asili nido, scuole, ospedali ecc.), la tipologia di clienti (da classificare in base all’età, alle patologie, alla autosufficienza o meno), la periodicità del menù (per esempio con rotazione mensile, valorizzazione della stagionalità ecc.) i prodotti alimentari impiegati (convenzionali, biologici, da produzione integrata, OGM, IV gamma, ecc.).

Per la progettazione di un menù in ambito sanitario o socio assistenziale è necessaria la presenza di un dietetico specifico redatto da soggetti con competenze professionali nei rispettivi ambiti di responsabilità scientifica, tecnica ed economica. Un regime alimentare appropriato è infatti uno strumento molto importante per migliorare le condizioni cliniche dei pazienti e per evitare eventuali complicanze che potrebbero insorgere a causa di una dieta non idonea.

La norma pone inoltre particolare attenzione alla preparazione dei menù in ambito scolastico tenendo in considerazione anche le differenti esigenze culturali-religiose, i menù specifici formulati sulla base di prescrizioni mediche, le differenti fasce di età dei bambini, i pasti preparati per specifiche esigenze (come cestini per viaggio, pasti per ricorrenze e festività).

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.