Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

I rottami metallici ferrosi e non ferrosi utilizzati nell'industria metallurgica possono indebitamente contenere radioisotopi sia artificiali sia naturali che, se inseriti nel ciclo lavorativo, possono portare a contaminazioni dell'ambiente oltre che dei prodotti finiti e del luogo di lavoro.

La Commissione Tecnologie nucleari e radioprotezione sottopone all’inchiesta pubblica finale un progetto di norma nazionale – che sostituisce la UNI 10897:2013 – che identifica i metodi per determinare le anomalie radiometriche associabili ai radionuclidi eventualmente presenti all'interno di carichi di rottami metallici, ferrosi e non ferrosi, destinati al recupero. La procedura non consente l'identificazione dei singoli radioisotopi ma si limita alla rilevazione di anomalie radiometriche tali da richiedere analisi più approfondite.

Lo scopo del progetto U54022230 “Carichi di rottami metallici - Rilevazione di radionuclidi con misure X e gamma” è indirizzato all'esame dall'esterno dei carichi in contenitori di trasporto: di conseguenza, considerati numerosi aspetti fisici, l'applicazione della norma non garantisce la totale assenza di radioattività nei materiali né il rispetto di limitazioni sulla radioattività globale o specifica nei carichi.
Le procedure previste sono da intendersi come collocate nella fase di verifica preliminare delle condizioni di sicurezza, nel più ampio contesto delle verifiche sui materiali riciclati nel settore metallurgico che comprende anche controlli in altre fasi quali, per esempio lo scarico, il trasporto interno e la gestione del prodotto finito e dei residui.

Il progetto sarà in inchiesta pubblica finale (vd. banca dati online) sino al 5 novembre prossimo. Sino a tale data chiunque fosse interessato può esprimere il proprio parere, attraverso l’apposito form online.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.