Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

È partita lunedì 7 settembre una nuova inchiesta pubblica finale che interessa quattro progetti della Commissione tecnica Servizi. Tutti gli interessati possono consultare i testi integrali dei progetti e inviare i propri commenti utilizzando l’apposito modulo online (NORMAZIONE > UNI: inchiesta pubblica finale) entro le date di fine inchiesta.

Il primo progetto U8300A030 riguarda la definizione, la classificazione, le caratteristiche e i requisiti del servizio di coaching. Avendo ricevuto numerosi commenti nel corso della prima inchiesta pubblica finale, la Commissione ha deciso di sottoporre il documento a una seconda inchiesta, che terminerà in data 6 ottobre 2015.
Il servizio di coaching è finalizzato al potenziamento delle competenze utili a migliorare il benessere e i risultati che la persona che ne usufruisce intende perseguire nella vita professionale e personale: rendersi progressivamente consapevole dei propri comportamenti efficaci e non, permette alla persona di definire e implementare strategie più utili per raggiungere gli obiettivi.
Nella pratica professionale il coaching è un programma di potenziamento e sviluppo delle risorse e delle competenze guidato dal professionista (coach) in partnership con la persona (coachee) che si avvale di modelli, metodi e tecniche di coaching e si sviluppa in un processo strutturato in fasi, tempi e piano di azioni. La valorizzazione delle risorse e del potenziale della persona nonché la responsabilizzazione della persona sui propri obiettivi e scelte guidano l’agire professionale del coach.
Il progetto “Coaching - Definizione, classificazione, caratteristiche e requisiti del servizio” indica i requisiti per la fornitura di servizi di coaching per orientare e guidare i fornitori dei servizi e favorire la scelta informata e consapevole da parte degli utilizzatori dei servizi di coaching (individui, gruppi, organizzazioni profit e non-profit). Il documento è applicabile a tutte le prestazioni di servizi di coaching indipendentemente dallatipologia di clienti (persone, gruppi, organizzazioni) e dai contesti di applicazione del coaching aziendale,organizzativo, scolastico, sociale, sportivo, life coaching (privato).

Gli altri tre progetti andranno a terminare l’inchiesta finale il 5 novembre 2015.

U8300A012 “Centri di bellezza professionali - Formazione dell’estetista qualificato per l’utilizzo di apparecchi per trattamenti estetici professionali” specifica i requisiti per la progettazione di un intervento di formazione rivolto all’estetista qualificato per l’utilizzo di apparecchi per trattamenti estetici professionali. Nel corso degli anni il numero di tipologie di apparecchi per trattamenti estetici è aumentato e ha consentito all’estetista qualificato di eseguire trattamenti con apparecchi non disponibili in precedenza: tra le diverse tipologie figurano apparecchi che utilizzano fattori di influenza specifici (per esempio luce, radiofrequenza, ultrasuoni, ecc.) per realizzare trattamenti estetici non invasivi. La futura norma intende definire i contenuti essenziali di apprendimento per la formazione continua su uno specifico apparecchio utilizzato nei trattamenti estetici e i requisiti per la realizzazione e la valutazione dell’intervento formativo.

 Altri due documenti in tema di professioni non regolamentate riguardano le figure del perito liquidatore assicurativo e del project manager: entrambi i progetti si prefiggono lo scopo di definire i requisiti relativi alle due attività professionali in termini di conoscenza, abilità e competenza in conformità al Quadro europeo delle qualifiche (European Qualifications Framework - EQF).
Il primo progetto U8300A090 “Attività professionali non regolamentate - Periti Liquidatori Assicurativi (escluso il ramo RC Auto e relativi danni) - Requisiti di conoscenza, abilità e competenza” si prefigge lo scopo di definire i requisiti relativi all'attività professionale del perito liquidatore assicurativo, ossia relativi all'attività professionale degli esperti dell’accertamento, della stima e/o della liquidazione del danno. Prevede due profili: il perito assicurativo (profilo di base) e il perito assicurativo senior (profilo avanzato).
Il secondo progetto U83000780 “Attività professionali non regolamentate - Project manager - Definizione dei requisiti di conoscenza, abilità e competenza”, che vede come co-autore la Commissione Gestione per la qualità e metodi statistici, definisce i requisiti relativi all’attività professionale del project manager e di equivalenti figure che gestiscono progetti o di altri ruoli organizzativi che svolgono equivalenti funzioni in conformità con la UNI ISO 21500:2013.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.