Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Da lunedì 7 settembre si trovano nella fase di inchiesta pubblica finale 11 nuovi progetti di norma che trattano diversi argomenti. Sino alle diverse date di fine inchiesta, chiunque fosse interessato può consultare i testi integrali e inviare i propri commenti utilizzando l’apposito modulo online (NORMAZIONE > UNI: inchiesta pubblica finale).

Terminerà la fase di inchiesta finale il 26 settembre il progetto E1307E150 di UNIPLAST. Futuro rapporto tecnico, il documento intende fornire informazioni sugli additivi destinati a promuovere la degradazione dei materiali termoplastici a base di poliolefine. Esso identifica le differenti tecnologie di origine dei prodotti, caratterizza i meccanismi di azione, descrive le asserzioni ambientali generalmente utilizzate e chiarisce le differenze tra i termini “degradazione” e “degradabilità”.

Quattro i progetti di competenza della Commissione Servizi.
Il primo (U8300A030) riguarda la definizione, la classificazione, le caratteristiche e i requisiti del servizio di coaching. Avendo ricevuto numerosi commenti nel corso della prima inchiesta pubblica finale, la Commissione ha deciso di sottoporre il documento a una seconda inchiesta, che terminerà in data 6 ottobre 2015. Il progetto definisce la terminologia e le caratteristiche del servizio di coaching e indica i requisiti per la fornitura di servizi di coaching per orientare e guidare i fornitori dei servizi e favorire la scelta informata e consapevole da parte degli utilizzatori dei servizi di coaching (individui, gruppi, organizzazioni profit e non-profit).
Gli altri tre progetti andranno a terminare l’inchiesta finale il 5 novembre 2015.
U8300A012 riguarda i centri di bellezza professionali: il progetto specifica i requisiti per la progettazione di un intervento di formazione rivolto all’estetista qualificato per l’utilizzo di apparecchi per trattamenti estetici. Esso definisce i contenuti essenziali di apprendimento per la formazione continua su uno specifico apparecchio utilizzato e i requisiti per la realizzazione e la valutazione dell’intervento formativo.
Altri due documenti in tema di professioni non regolamentate riguardano le figure del perito liquidatore assicurativo (escluso il ramo RC auto e relativi danni) (U8300A090) - cioè dell’esperto dell’accertamento, della stima e/o della liquidazione del danno - e del project manager (U83000780). Entrambi si prefiggono lo scopo di definire i requisiti relativi alle due attività professionali in termini di conoscenza, abilità e competenza in conformità al Quadro europeo delle qualifiche (European Qualifications Framework - EQF).

I progetti che seguono rimarranno nella fase di inchiesta pubblica finale sino al 5 novembre 2015.

Il documento E0209E900 del CTI descrive i requisiti della gestione contabile, con o senza segregazione fisica dei prodotti, del bilancio di massa attuata da un operatore economico che opera nell'ambito delle filiere di produzione dei biocarburanti e dei bioliquidi nonché dei loro intermedi e derivati, ottenuti anche da residui, sottoprodotti e rifiuti, prodotti in maniera sostenibile. Il progetto descrive anche i requisiti di uno schema per la gestione del rischio sull'intero processo produttivo e gestionale, finalizzato a ottimizzare la gestione dei prodotti, della tracciabilità e soprattutto del bilancio di massa secondo i requisiti definiti dal quadro legislativo europeo e nazionale e dalla UNI/TS 11429.

Dalla Commissione Tecnologie nucleari e radioprotezione è in arrivo una norma (progetto U54022230) che identifica i metodi per determinare le anomalie radiometriche associabili ai radionuclidi presenti nei carichi di materiali metallici destinati al recupero. I rottami metallici destinati al recupero in fonderia possono contenere radioisotopi da sorgenti radioattive usate in campo industriale e medicale e tale radioattività può provocare contaminazione dell’ambiente e dei prodotti finali.

“Valutazione della complessità (VACO) - Linee guida per le organizzazioni” è il titolo del progetto U63000150 della Commissione Sicurezza della società e del cittadino che intende fornire a ogni organizzazione le linee guida per pianificare, sviluppare, attuare, monitorare e riesaminare un processo di valutazione della complessità del proprio sistema al fine di identificare e classificare le criticità e migliorare la resilienza dell’organizzazione stessa.

Il progetto U93022710 della Commissione Metalli non ferrosi specifica i requisiti minimi relativi alle caratteristiche tecniche e alle prestazioni dei raccordi a pressare di rame o leghe di rame con o senza rivestimento galvanico o non galvanico destinati a impieghi nel campo della distribuzione domestica del gas, limitatamente a gas naturale e GPL, entro i limiti di pressione e temperatura indicati dalla norma o in altre norme richiamate.

Gli ultimi due progetti sono di interesse della Commissione Cemento, malte, calcestruzzi e cemento armato. Il primo (U96000450) stabilisce un metodo per misurare il colore di cementi e clinker in polvere. Il secondo (U96000520) ha lo scopo di classificare e di definire i requisiti dei cementi resistenti all’azione aggressiva (espansiva) di acque e terreni contenenti solfati e dell’acqua di mare.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.