Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Quando si verifica un evento catastrofico, l’approvvigionamento di acqua – la principale risorsa naturale per la nostra sopravvivenza – e il suo adeguato trattamento potrebbero risultare compromessi.
Per aiutare le infrastrutture idriche a essere preparate e a continuare a operare in qualsiasi circostanza, anche la più critica, l’Organismo Internazionale di Normazione ha appena pubblicato una norma: la ISO 24518.
Questo nuovo documento elenca una serie di passaggi e di azioni che le infrastrutture idriche devono essere in grado di compiere per essere pronte ad affrontare efficacemente qualsiasi situazione. E anche qualora determinati eventi dovessero verificarsi, la norma indica che cosa fare per ristabilire il servizio e dà uno spunto per ricavare insegnamenti pratici dalle circostanze.

La mancanza di acqua potabile può diventare una grave problema durante un’emergenza. Allo stesso modo, la rimozione in sicurezza e lo smaltimento delle acque reflue sanitarie, così come il drenaggio delle acque piovane sono fattori fondamentali per prevenire le epidemie, la contaminazione delle persone e dell’ambiente, l’inondazione dei centri abitati. Per questo la norma ISO 24518 può aiutare a garantire il corretto approvvigionamento idrico e la qualità dei servizi igienico-sanitari, il funzionamento della rete fognaria e una risposta efficace in casi di emergenza.

Attraverso il modello basato sul ciclo PDCA (Plan-Do-Check-Act), la norma ISO 24518 pone le migliori condizioni per:

  • fronteggiare le situazioni di crisi così da garantire un adeguato approvvigionamento idrico nonché la rimozione e il trattamento delle acque reflue;
  • cooperare con tutte le autorità competenti;
  • valutare l’ambiente naturale e l’impatto sulla salute e il benessere della popolazione;
  • adottare una efficace comunicazione per mitigare o prevenire il panico.

Jacobo Sack, coordinatore del gruppo di lavoro che in seno all’ISO/TC 224 ha sviluppato la norma, fa un quadro chiaro dei vantaggi che l’adozione di questo nuovo documento internazionale può apportare: “I servizi idrici ben sviluppati hanno già la maggior parte degli strumenti e delle attrezzature necessarie per affrontare le situazioni di crisi e hanno stabilito adeguate procedure di emergenza nelle loro operazioni quotidiane, come la riparazione di tubature rotte, ad esempio. In questo caso l’attenzione va senz’altro concentrata su altri aspetti organizzativi, come la creazione di un team per la gestione delle crisi. Le infrastrutture meno attrezzate avranno invece bisogno di fare molto di più, probabilmente investendo dal 10 al 20% del loro bilancio totale”.

A chi è indirizzata, dunque, la norma ISO 24518?
Alle autorità e ai dipartimenti che si occupano delle acque, ad esempio. Ma anche alle aziende e a qualsiasi altro organismo che si occupi delle forniture idriche. E ancora: ad autorità e organismi che gestiscono le situazioni di crisi, ingegneri idraulici, consulenti.
La ISO 24518”, dichiara ancora Sack, “può veramente contribuire all'effettiva attuazione di adeguati strumenti di gestione delle emergenze. E i legislatori possono fare riferimento a questo documento normativo al momento della redazione e dell'adozione di una politica nazionale in questo ambito”.

La ISO 24518 è la prima norma di questo genere. Sebbene infatti altri documenti sulla sicurezza siano stati pubblicati, nessuno di questi tratta esplicitamente la gestione delle crisi nei servizi idrici.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.