Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Progetti, portfolio, programmi… Le attività di qualsiasi organizzazione si sviluppano in modo più o meno articolato per raggiungere determinati obiettivi. Ma l’efficace gestione di queste attività è fondamentale per l’efficienza dell’organizzazione stessa e quindi, in ultima analisi, per il suo successo.
Chiarezza sui principi base e conoscenza di "best practice" sono i motivi che hanno spinto l’ISO/TC 258 ("Project, programme and portfolio management") a sviluppare una norma specifica su questi aspetti gestionali. E’ la ISO 21504 "Project, programme and portfolio management - Guidance on portfolio management", che fa parte di una più ampia famiglia di norme che comprende la ISO 21500 sulla gestione dei progetti (project management) e la ISO 21503 sulla gestione dei programmi (programme management).

E’ Steven Fahrenkrog, Project Leader della norma ora pubblicata, a fare chiarezza sui termini sopra citati.
"Quando si parla di progetto ci si riferisce a un lavoro che ha un inizio e una fine determinata. I programmi" – prosegue Fahrenkrog – "sono costituiti da gruppi di progetti e dai relativi lavori che hanno determinati scopi e che sono legati a specifici obiettivi. I portfolio, infine, sono costituti da quell’insieme di progetti, di programmi e attività connesse che concorrono insieme al raggiungimento di un gruppo di obiettivi strategici".
Ovviamente l’attività di un’organizzazione si compone di uno o più portfolio.

Perché dunque l’esigenza di una norma internazionale?
"Perché c’era bisogno di una norma internazionale che richiamasse l’attenzione sulle best practice a livello mondiale", dice Miles Shepherd, presidente dell’ISO/TC 258. "E una norma ISO è garanzia di credibilità e di fiducia".

Gestire e coordinare efficacemente tutte le attività di un’organizzazione richiede senza dubbio abilità e competenza.
"In molte realtà non tutti i lavori sono correttamente legati agli obiettivi, il che comporta potenzialmente uno spreco di risorse", chiarisce Fahrenkrog, "La norma ISO 21504 può pertanto essere usata per verificare e ottimizzare l’uso delle risorse a disposizione di un’organizzazione in ordine agli obiettivi che essa si è data".

La norma può quindi essere uno strumento molto utile per stabilire se un’azienda è pronta per adottare un portfolio e soprattutto se è in grado di gestirlo correttamente.
"La norma ISO 21504 si differenzia da altri documenti sul tema per la ricchezza dei dettagli e dei suggerimenti in essa contenuti", spiega con soddisfazione Fahrenkrog. "Inoltre, avendo un approccio basato su principi generali, è estremamente flessibile e può pertanto essere efficacemente utilizzata da organizzazioni di qualsiasi tipo e dimensione".

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.