Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

iso14001revisedLa revisione di una delle norme più popolari al mondo per la gestione ambientale, la ISO 14001, ha raggiunto la fase di Final Draft International Stage (FDIS). I Paesi membri hanno ora tempo sino al 2 settembre per sviluppare la posizione nazionale ed elaborare commenti prima della pubblicazione finale, prevista nel breve periodo.

Alcuni degli elementi che contribuiranno ad aumentare l’impatto della norma internazionale nei confronti dell’ambiente sono:

  • Responsabilità della direzione. Più rilevante coinvolgimento della leadership.
  • Adeguatezza strategica. Maggiore allineamento con la vostra direzione strategica.
  • Protezione dell’ambiente. Iniziative proattive e miglioramento della performance ambientale.
  • Comunicazione efficace. Guida attraverso una strategia di comunicazione.
  • Approccio al ciclo di vita. Prendere in considerazione tutti gli stadi dallo sviluppo al fine vita.

La revisione è il culmine del lavoro svolto dai 121 esperti membri del comitato tecnico ISO/TC 207/SC 1 “Environmental management systems” a Segreteria BSI (membro ISO per la Gran Bretagna), in rappresentanza di 5 gruppi di stakeholder provenienti da 88 Paesi.

Abbiamo chiesto a Paolo Piagneri, coordinatore del GL 1 della Commissione Ambiente, un parere sui lavori di revisione. “Siamo quasi giunti alla conclusione del processo di revisione della norma ISO 14001 e l’occasione è favorevole per un primo bilancio di questa attività. Si è trattato di un processo durato poco meno di quattro anni, che è passato attraverso sette diversi stati di sviluppo del documento gestiti nel corso di dieci incontri internazionali. A livello nazionale il GL 1 UNI ha partecipato attivamente a tutto il processo fin dalla sua fase iniziale, fornendo il proprio contributo attraverso gli esperti che hanno contribuito ai lavori in sede internazionale ed esprimendo il proprio parere formale in ogni fase in cui questo era richiesto”.

“È doveroso a questo punto un ringraziamento, oltre a tutti componenti del GL 1, a Viviana Buscemi, che ha curato per l’UNI la segreteria tecnica di tutta la revisione, Fausto Sini e Daniele Pernigotti che hanno rappresentato l’Italia in tutti gli incontri del WG 5/ISO/TC 207 e Alessandro Manzardo che ha permesso lo svolgimento in Italia, nel 2014 presso l’università di Padova, di uno di questi meeting”.

“La profondità della revisione della norma – ha proseguito Piagneri – è stata significativa e per questo motivo il processo non è risultato semplice. Il GL 1 ha espresso voto positivo sul FDIS, ritenendo il risultato un buon compromesso fra i diversi punti vista emersi dai vari paesi e dalle diverse categorie di parti interessate.
La nuova norma propone un sistema di gestione ambientale maggiormente integrato all’interno dei processi di business dell’organizzazione e più integrabile con gli altri sistemi di gestione, contiene inoltre alcuni elementi innovativi, ispirati dalle sfide ambientali intraviste per il futuro, che forniranno strumenti più efficaci per la gestione e il miglioramento delle prestazioni ambientali”.

La norma dovrebbe essere pubblicata e disponibile nel mese di settembre 2015.
Per saperne di più sul processo di revisione:
www.iso.org/iso/home/standards/management-standards/iso14000/iso14001_revision.htm

Ricordiamo che il GL 1 della Commissione Ambiente ha deciso di tradurre la nuova ISO 14001 a partire dal testo dell'ISO/FDIS con l'obiettivo di velocizzare il più possibile la pubblicazione in italiano della norma e renderla disponibile al mercato, considerato anche l'elevato numero di organizzazioni nazionali certificate secondo la norma.
Il progetto nazionale U53003340 che adotta l’ISO/FDIS 14001:2015 “Sistemi di gestione ambientale - Requisiti e guida per l'uso” si trova, dal 21 luglio scorso al 5 agosto, nella fase di inchiesta pubblica preliminare UNI (> vai all'articolo).

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.