Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Il GL 1 della Commissione Ambiente ha deciso di tradurre la nuova ISO 14001 a partire dal testo dell'ISO/FDIS con l'obiettivo di velocizzare il più possibile la pubblicazione in italiano della norma e renderla disponibile al mercato, considerando che l'Italia è al secondo posto per il numero di organizzazioni certificate dopo la Cina. La norma è destinata a ogni organizzazione che desideri attuare, e migliorare ove presente, un sistema di gestione ambientale e gestire le proprie responsabilità ambientali in una maniera sistematica che contribuisca al pilastro ambientale della sostenibilità.

Considerato l'elevato numero di organizzazioni certificate secondo la ISO 14001, si ritiene necessario adottare la norma ISO e offrire tempestivamente il valore aggiunto della traduzione in lingua italiana. Fase dunque di inchiesta pubblica preliminare dal 21 luglio al 5 agosto per il progetto U53003340, adozione dell’ISO/FDIS 14001:2015 “Sistemi di gestione ambientale - Requisiti e guida per l'uso”.

La norma internazionale specifica i requisiti di un SGA che un'organizzazione può utilizzare per sviluppare le proprie prestazioni ambientali. Coerentemente alle politiche ambientali dell'organizzazione, gli obiettivi previsti di un sistema di gestione ambientale comprendono: il miglioramento delle prestazioni ambientali, il soddisfacimento dei requisiti vincolanti, il raggiungimento degli obiettivi ambientali.

La norma è applicabile a qualsiasi organizzazione, indipendentemente da dimensione, tipo e natura, e si applica agli aspetti ambientali delle attività, prodotti e servizi che l'organizzazione stabilisce possano essere controllati o influenzati considerando la prospettiva del ciclo di vita. È utile per consentire a un'organizzazione di sviluppare e attuare una politica e degli obiettivi che tengano conto delle prescrizioni legali e delle altre prescrizioni che l'organizzazione stessa sottoscrive e delle informazioni riguardanti gli aspetti ambientali significativi. Si applica agli aspetti ambientali che l'organizzazione identifica come quelli che essa può tenere sotto controllo e come quelli sui quali essa può esercitare un'influenza.

La fase di inchiesta pubblica preliminare terminerà il prossimo 5 agosto. Chiunque fosse interessato può inviare i propri commenti (>> vai alla banca dati online).

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.