Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Sono 32 i progetti di norma che vengono sottoposti in questi giorni (sino al 5 agosto prossimo) all’inchiesta pubblica preliminare, la fase fondamentale del processo normativo che permette di vagliare preventivamente il concreto interesse del mercato in merito a specifiche attività che la normazione intende sviluppare.
Numerosi i temi sui quali si intendono sviluppare i lavori.

Di interesse del CTI (Comitato Termotecnico Italiano) due progetti che riguardano il vocabolario per tutti i forni industriali e le attrezzature di processo associate (adozione ISO 13574:2015) e le verifiche periodiche o di riqualificazione periodica delle attrezzature e degli insiemi a pressione.

Il CIG (Comitato Italiano Gas) presenta tre documenti: il primo definisce i criteri per il monitoraggio della pressione di esercizio nelle reti di distribuzione del gas naturale di bassa pressione (7° specie) di un impianto. Il secondo progetto definisce le specifiche degli apparati di misurazione del gas su base oraria direttamente allacciati alla rete di trasporto; il terzo, che adotta il CEN/TR 13737-2:2014, rappresenta una linea guida per l’implementazione nazionale delle norme funzionali elaborate dal CEN/TC 234 “Infrastrutture del gas”.

A cura di UNINFO è un progetto di norma destinato a definire regole, procedure e modello gestionale di valutazione per il rilascio, da parte di un organismo accreditato, di un'attestazione di conformità ai livelli di garanzia 2, 3 e 4 della norma ISO/IEC 29115:2013 relativamente a soluzioni tecnologiche di autenticazione informatica adottate da soggetti che gestiscono servizi di registrazione, di emissione di credenziali e di accesso in rete per persone fisiche e giuridiche.

In tema di professioni, la Commissione Attività professionali non regolamentate presenta il progetto che definisce i requisiti di conoscenza, abilità e competenza - in conformità al Quadro Europeo delle Qualifiche - degli organizzatori di matrimoni, cerimonie ed eventi similari.

Specifica le regole generali e le convenzioni fondamentali per i tipi di linea utilizzati nei disegni di meccanica e di ingegneria industriale il progetto della Commissione TPD e GPS - Documentazione, specificazione e verifica geometriche dei prodotti, che adotta la norma ISO 128-24 del 2014.

Dalla Commissione Carta viene la proposta di adottare la ISO 1762:2015 che descrive la determinazione del residuo (cenere) dopo incenerimento a 525 °C di carta, cartone e paste.

Tre le adozioni di norme internazionali proposte dalla Commissione Gomma: in tema di gomma vulcanizzata o termoplastica, la ISO 34 Parti 1 e 2 specifica metodi di prova per determinare la resistenza alla lacerazione dei provini a pantalone, angolari, a mezza luna e di forma ridotta (Delf); la ISO 2028:2015 specifica invece quattro metodi per isolare il polimero secco dai lattici di gomma sintetica contenenti tensioattivi anionici, al fine di eseguire successive prove.

Si parla di indicazioni operative relative alle procedure di accettazione e di gestione operativa per impianti di distribuzione dei gas medicali, del vuoto e di evacuazione dei gas anestetici nel documento proposto dalla Commissione Tecnologie biomediche e diagnostiche.

La Commissione Recipienti per il trasporto di gas compressi, disciolti o liquefatti intende adottare la norma internazionale ISO 12991:2012 sui requisiti di fabbricazione dei serbatoi di carburante ricaricabili per gas naturale liquefatto (GNL) utilizzati sui veicoli.

Rappresenta l’adozione dell’ISO/FDIS 14001:2015 il progetto “Sistemi di gestione ambientale - Requisiti e guida per l'uso” della Commissione Ambiente. La futura norma specifica i requisiti di un sistema di gestione ambientale che un'organizzazione può utilizzare per sviluppare le proprie prestazioni ambientali. L’obiettivo è quello di velocizzare il più possibile la pubblicazione in italiano della norma e renderla disponibile al mercato.

In tema di protezione dalle radiazioni la Commisisone Tecnologie nucleari e radioprotezione intende adottare le seguenti cinque norme internazionali: le ISO 12789 Parti 1 e 2 forniscono indicazioni sui campi di neutroni simulanti i campi presenti in ambienti lavorativi; le ISO 11665 Parti 4 e 8 sul monitoraggio del randon descrivono le tecniche di misurazione ad integrazione per la determinazione della concentrazione media di attività usando un campionamento passivo e analisi successiva e le metodologie per le indagini iniziali e supplementari negli edifici; la ISO 28218 sui criteri e requisiti per l’effettuazione delle analisi di radioattività in campioni biologici (analisi radiobiologiche).

La Commissione Agroalimentare propone un progetto di norma che tratta la definizione, la composizione e le caratteristiche del latte fermentato e del latte fermentato con aggiunta di altri ingredienti alimentari al momento del consumo.

Un progetto della Commissione Costruzioni stradali ed opere civili delle infrastrutture intende caratterizzare il conglomerato bituminoso proveniente dalla demolizione di pavimentazioni stradali per incentivarne il riutilizzo nella medesima filiera produttiva.

La Commissione tecnica Servizi invia all’inchiesta preliminare sei progetti. Il primo definisce i termini relativi all’attività di consulenza sulla reputazione on-line e le tipologie di servizio offerto dai fornitori di servizi professionali. In tema di gestione dei beni (asset management) tre progetti forniscono: una panoramica su come gestire i beni, i principi, la terminologia e i benefici; i requisiti per un sistema di gestione dei beni all’interno di un’organizzazione; una guida per l’applicazione di un sistema di gestione dei beni (adozioni delle norme ISO 55000, 55001 e 55002). Due altri progetti definiscono i requisiti – in conformità all’EQF – di due figure professionali: il consulente di direzione (consulente di management) e l’educatore finanziario nelle attività di consulenza oggettiva o generica (one to one).

E ancora: un progetto della Commisisone Cemento, malte, calcestruzzi e cemento armato contiene le specificazioni complementari per l'applicazione in Italia della EN 206, che costituisce un riferimento primario per la standardizzazione del calcestruzzo nei paesi UE.

Infine, la Commissione Macchine utensili intende adottare tre norme internazionali: la ISO 230-7 che definisce i metodi di specificazione e di verifica dell’accuratezza geometrica degli assi di rotazione utilizzati nelle macchine utensili; la ISO 3317 che prescrive le specifiche tecniche per un adattatore quadro di manovra con esagono maschio o codolo cilindrico con linguetta, per bussole a macchina; la ISO 7738 che specifica la lunghezza totale e lo spessore massimo delle teste per le chiavi combinate, testa poligonale piegata e curva.

Le schede generali dei progetti saranno disponbili a partire dal 21 luglio. Sino al prossimo 5 agosto. Attendiamo i vostri commenti!

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.