Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

iso9001 2015La nuova ISO 9001 sui sistemi di gestione per la qualità ha raggiunto la fase finale del processo di revisione. I Paesi membri ISO hanno ora due mesi di tempo per sviluppare la posizione nazionale e votare l'ultimo draft entro il 9 settembre prossimo.

Con l’approvazione dell’ultimo ISO/DIS (Draft International Standard) nel novembre 2014, sono pervenuti al comitato incaricato della revisione della ISO 9001 oltre 3.000 commenti contenenti suggerimenti su possibili miglioramenti.
Da allora, il comitato si è riunito due volte – in Irlanda e in Lituania – e ha affrontato ampie discussioni online analizzando e discutendo ogni commento ricevuto nel corso della votazione.
Ora, completato e tradotto il progetto definitivo (FDIS), i membri ISO procederanno con una consultazione nazionale prima di presentare il loro voto finale.

Secondo Nigel Croft, presidente del sottocomitato ISO/TC 176/SC 2 incaricato dei lavori di revisione “rispetto al DIS le modifiche sono modeste. Quelle più estese riguardano Introduzione e cifre e Termini e definizioni. Oltre a un generale riordino del testo e a una maggiore coerenza nell’uso di termini specifici, sono state messe a punto una serie di piccole modifiche tecniche”.

Quindi cambiamenti non significativi. Ma la nuova norma ISO 9001 sarà molto diversa rispetto alle versioni precedenti? “Sicuramente! Il documento rappresenta il risultato di un processo evolutivo che ha portato saldamente la ISO 9001 nel XXI secolo. Le prime versioni della ISO 9001 (del 1987 e del 1994) erano abbastanza prescrittive con molti requisiti specifici per le procedure e le registrazioni documentate; nel 2000 è stato introdotto l’approccio per processi, mantenuto sino alla revisione del 2008”.

“Abbiamo fatto un passo ulteriore – prosegue Croft – La ISO 9001:2015 è ancora meno prescrittiva della precedente edizione ma con una filosofia di fondo in termini di applicabilità. Per esempio, i processi hanno raggiunto i risultati previsti? Il sistema sta mantenendo la promessa di fornire fiducia nella capacità di una organizzazione di offrire prodotti e servizi conformi? In altre parole, la ISO 9001:2015 è un documento “performance-based” concentrato su quello che deve essere raggiunto piuttosto che su come raggiungerlo. Abbiamo combinato l’approccio per processi con il risk-based thinking, utilizzando il ciclo PDCA (Plan-Do-Check-Act) a tutti i livelli dell’organizzazione, tenendo conto del contesto nel quale opera”.

Qualche consiglio per i futuri utilizzatori della norma? “Molto semplicemente, leggere e assimilare la bozza finale della norma, non appena sarà pubbicata – conclude Croft – e consultare i vari documenti orientativi disponibili sul sito web dell’ISO e dell’SC 2. E, non ultimo, pensare a questa nuova versione come un’opportunità per migliorare il sistema di gestione per la qualità piuttosto che come una nuova serie di requisiti da soddisfare”.

La ISO 9001 è una delle norme più conosciute al mondo, con più di 1,1 milioni di certificati registrati. Essa fornisce i requisiti per aiutare le aziende a dimostrare di essere in grado di offrire ai loro clienti prodotti e servizi di buona qualità e a semplificare i processi rendendoli più efficaci.
La ISO 9001 può essere utilizzata da organizzazioni di ogni tipologia e dimensione. La norma ha ispirato una serie di documenti per la sua applicazione in specifici settori quali l’automotive, il medicale, le amministrazioni locali, ecc.
La ISO 9001 si trova nella fase di revisione periodica delle norme, che generalmente avviene ogni 3-5 anni, per assicurarne l’attualità e l’aggiornamento. La pubblicazione della nuova edizione è prevista nel settembre 2015.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.