Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

L'articolo fornisce un quadro riassuntivo delle attività in atto nell’ambito del Mandato M/480. Come è noto, la sua esecuzione era suddivisa in due fasi distinte:

  • Fase 1 (2012-2013): definizione in ambito CEN/TC 371 di una serie di strumenti per facilitare e coordinare il lavoro di revisione delle norme del pacchetto EPBD.
  • Fase 2 (2013-2015): revisione, nell’ambito dei comitati tecnici coinvolti, delle norme del pacchetto EPBD sviluppato con il primo mandato e redazione di nuove norme a completamento.

Il programma di lavoro coinvolge l’attività di cinque diversi comitati tecnici: CEN/TC 89 “Thermal performance of buildings and building components”, CEN/TC 156 “Ventilation for buildings”, CEN/TC 169 “Light and lighting”, CEN/TC 228 “Heating systems in buildings” e CEN/TC 247 “Building automation, controls and building management”.
A cui si aggiunge il CEN/TC 371 “Energy performance of building – Project group” che ha il compito di coordinare l’intero progetto nonché di sviluppare le norme principali di indirizzo, tra cui la norma di inquadramento generale EN 15603 “Energy performance of buildings - Overarching standard EPBD”.

Nel complesso i lavori hanno subito qualche rallentamento a causa sia della complessità della materia, sia dalla numerosità delle norme da predisporre e/o rivedere. In tal senso, la decisione iniziale di affiancare a ciascuna norma un technical report di accompagnamento, in cui raccogliere tutto il materiale informativo e le parti non strettamente normative, se da un lato consentirà di avere norme più snelle, di fatto ha comportato la duplicazione del numero di documenti da produrre.
Per ciascuna norma è inoltre previsto che venga predisposto un file di Excel che consenta di verificare la procedura di calcolo, individuare i parametri di input e output, nonché evidenziare la correlazione con le altre norme del pacchetto EPBD (Energy Performance of Buildings Directive).

L’intero quadro risulta ulteriormente complicato dal contemporaneo tentativo di coordinare gli analoghi lavori che nel frattempo sono stati avviati a livello internazionale, nell’ambito dell’ISO/TC 163 e ISO/TC 205, con l’obiettivo di giungere ad un unico pacchetto di norme per la determinazione della prestazione energetica degli edifici approvato sia in sede CEN che ISO.

Ciò comporta inevitabilmente una diversa numerazione di molte delle norme sviluppate a supporto della precedente Direttiva 2002/91/CE, a partire dalla stessa Overarching Standard che, bocciata al formal vote nell’ottobre dello scorso anno, sarà sottoposta ad una seconda inchiesta pubblica come prEN ISO 52000-1.

Per visualizzare il programma di lavoro dei comitati tecnici coinvolti, nonché lo stato di avanzamento dei singoli progetti di norma >> clicca qui.

Anna Martino
CTI – Comitato Termotecnico Italiano
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Articolo pubblicato sulla rivista mensile del CTI "Energia e Dintorni. Il CTI informa", del mese di giugno 2015.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.