Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

cityI terremoti devastanti sono un fenomeno globale. Il Nepal, il Giappone, l’Indonesia ne sono la prova. Le conseguenze sono spesso drammatiche: perdita di vite umane, danni materiali, confusione sociale e stagnazione dell’attività economica.

Un sisma si verifica improvvisamente, senza segnali premonitori con un impatto spesso significativo; non ci sono i tempi per evacuare le persone o proteggere le strutture e i beni. Quindi il rischio va gestito - e ridotto - a monte.

La norma internazionale ISO 16711:2015 “Seismic assessment and retrofit of concrete structures” è stata elaborata nell’ottica di ridurre le devastazioni provocate dai terremoti, modificando le strutture esistenti al fine di migliorare il più possibile la resistenza alle vibrazioni. Il documento aiuterà ingegneri e architetti a effettuare una valutazione sismica degli edifici e valutare i lavori di adeguamento sismico: tali valutazioni serviranno a prevenire il rischio di collasso strutturale o ribaltamento sotto l’effetto di violente scosse sismiche e, di conseguenza, salvare vite umane.

Tamon Ueda, presidente dell’ISO/TC 71/SC 7, incoraggia l’uso della norma. “Il terremoto di Haiti ha messo in evidenza che milioni di persone vivono in abitazioni che non resistono alle scosse sismiche. Applicando alcuni principi generali stabiliti nella ISO 16711 è possibile costruire edifici abitativi più sicuri”.

La nuova norma, elaborata in seno al comitato tecnico ISO/TC 71 “Concrete, reinforced concrete and pre-stressed concrete” SC 7 “Maintenance and repair of concrete structures”, fornisce un quadro dettagliato e i principi sui metodi di valutazione sismica, sui piani di adeguamento sismico, sulla progettazione ed esecuzione dei lavori di riabilitazione delle strutture in cemento armato esistenti.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.