Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

firma cencenelec sacDopo l’importante accordo bilaterale siglato lo scorso ottobre tra UNI e SAC - l’ente di normazione della Repubblica Popolare Cinese - nell’ambito dei rapporti del "business forum Italia-Cina" (>> vai all’articolo), lo scorso 29 giugno CEN e CENELEC hanno firmato con il SAC una lettera congiunta di intenti che conferma l’impegno dei tre partner a rafforzare la cooperazione tra Europa e Cina nel settore della normazione e a promuovere l’accettazione e l’attuazione di norme internazionali al fine di agevolare gli scambi e sostenere uno sviluppo economico sostenibile.

Nella lettera - firmata da Tian Shihong (SAC Administrator), Piet Hein-Daverveldt (CEN Vice-president Finance) e da Wim De Kesel (CENELEC Vice-President Policy) alla presenza di Jean-Claude Junker, presidente della Commissione europea, Donal Tusk, presidente del Consiglio europeo e Li Keqiang, Premier del Consiglio di Stato della Repubblica Popolare Cinese - i tre partner hanno confermato il loro impegno a finalizzare e ratificare nei prossimi mesi un nuovo accordo di cooperazione. L’accordo fornirà un quadro per rafforzare ancora di più la cooperazione, già esistente, tra Europa e Cina in ambito normativo.

La lettera congiunta conferma che CEN, CENELEC e SAC continueranno a sostenere i due enti di normazione ISO e IEC, promuovendo l’adozione e l’attuazione di norme internazionali nei rispettivi mercati e a livello gobale.

CEN, CENELEC e SAC si impegnano a:

  • promuovere reciprocamente la comprensione dei rispettivi sistemi di normazione e lo scambio delle conoscenze tecniche,
  • scambiare informazioni in aree tecniche e strategiche di comune interesse,
  • contribuire alle attività internazionali di normazione ISO e IEC e promuovere l’adozione di norme internazionali in Cina e in Europa,
  • facilitare lo scambio di norme (e di altri documenti normativi) e la loro adozione in conformità con politiche e regolamenti,
  • sostenere la realizzazione di iniziative strategiche reciprocamente vantaggiose, come il progetto SESEC-Seconded European Standardization Expert in China.

Accogliendo con favore la lettera di intenti, il direttore generale CEN-CENELEC Elena Santiago Cid ha dichiarato: ”Per rafforzare la cooperazione tra Europa e Cina nel campo della normazione, dobbiamo contribuire a rimuovere gli ostacoli tecnici al commercio, favorire una crescita economica sostenibile e creare posti di lavoro di qualità. Sostenendo la normazione internazionale di ISO e IEC”.

L’accordo UNI-SAC siglato nell’ottobre 2014 nell’ambito dei tredici accordi Italia-Cina promossi dalla Presidenza del Consiglio (vd. "La normazione nei rapporti Italia – Cina", 15 ottobre 2014) prevedeva: lo scambio di informazioni sulle attività di normazione, editoriale e di formazione; contatti e scambio di visite del personale; collaborazione in ambito ISO; mutuo riconoscimento di specifiche norme; scambio di esperienze e competenze tecniche; cooperazione sull’informazione normativa.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.