Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

E' stato firmato il 19 giugno scorso un accordo di collaborazione tra UNI e l'Università di Pisa. Una firma importante perché sancisce una sorta di nuova dimensione relazionale tra il mondo della normazione e il mondo accademico.

intervista ruffini giu2015Lo sviluppo del dialogo con le scuole e l’università è uno degli obiettivi che UNI intende perseguire, nella convinzione che esso sia un fattore determinante per una corretta diffusione della cultura normativa e dunque per creare una rete di cittadini/consumatori realmente consapevoli, lavoratori/imprenditori consci e in prospettiva normatori preparati.
Ma è anche un modo nuovo di interpretare ruolo e obiettivi della normazione.
In un certo senso è opportuno andare oltre il concetto di normazione tecnica”, dichiara Adarosa Ruffini, docente di “Normazione integrata della logistica e dei trasporti” del corso di laurea di Ingegneria gestionale dell’Università di Pisa. “La norma, in termini più generali, è un momento di sintesi e di definizione di un interesse comune”.
E’ partendo da questa idea che si innesta una evoluzione: da normazione tecnica a normazione convenzionale-pattizia, a normazione integrata.
La norma diviene cioè uno strumento non più specialistico, bensì un vero modello di utilità trasversale.
L'attitudine naturale della norma è quella di dirimere e risolvere qualsiasi tipo di conflitto e di contribuire a mantenere qualsiasi tipo di interesse venga ritenuto valido”, continua Adarosa Ruffini.
Un modello che gli studenti sono molto interessati a conoscere nei suoi aspetti più profondi. Tanto più che la normazione si troverà ad essere sempre più protagonista nello sviluppo di prodotti e di servizi di larga diffusione sia a bassa che ad alta tecnologia.
L’accordo prevede che ogni anno UNI tenga un seminario sulla normazione all'interno del corso ‘Normazione integrata della logistica e dei trasporti’. Questa offerta formativa viene recepita dagli studenti con grandissimo entusiasmo e grandissima partecipazione”.

L'insegnamento di “Normazione Integrata della Logistica e dei Trasporti” ha infatti l'obiettivo di sviluppare, oltre ad altri temi ritenuti rilevanti, la contestualizzazione della normazione nella società quale fattore essenziale per il suo corretto sviluppo.
L'inserimento della normazione volontaria quale materia di studio è un passo importante, che questo accordo tra UNI e Università di Pisa conferma in tutta la sua valenza sociale e culturale.

L'intervista ad Adarosa Ruffini è disponibile sul canale UNI di YouTube.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.