Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

intervista moleaPerché a livello europeo si è sentita l’esigenza di una norma sui servizi di chirurgia estetica? E quali novità introduce di fatto questo nuovo documento? A cosa devono stare attenti i consumatori quando decidono di sottoporsi a interventi di chirurgia estetica per non andare incontro a brutte sorprese?

Per rispondere a queste domande e per farci illustrare la nuova norma europea UNI EN 16372 pubblicata a fine marzo scorso (>> vai all’articolo) abbiamo intervistato Guido Molea della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università Federico II di Napoli e coordinatore del gruppo di lavoro UNI “Servizi di chirurgia estetica”.

Si tratta di una norma che - come spiega Molea - intende tutelare, da una parte, i professionisti che già operano seriamente seguendo standard di alto livello e, dall’altra, i consumatori che si accingono a usufruire di questi servizi e che devono essere bene informati in modo da poter fare affidamento su interventi sicuri, sia nel proprio paese che all’estero.

Negli ultimi tempi, infatti, si è visto il proliferare di un “turismo medico” rivolto verso paesi in cui si eseguono interventi “low cost” ma che spesso non garantiscono prestazioni sanitarie di qualità e che anzi possono rivelarsi potenzialmente pericolosi per i consumatori.

Ecco perché a livello europeo si è giunti alla definizione della norma UNI EN 16372 che stabilisce i requisiti per i servizi chirurgici e le raccomandazioni per i professionisti della chirurgia estetica. Queste raccomandazioni riguardano diversi aspetti tra cui, ad esempio, etica e marketing, informazioni fornite al paziente, competenze dei chirurghi, requisiti per i servizi clinici e controlli post operatori.

Guarda la videointervista >>

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.