Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Si è conclusa la revisione della UNI/TS 11441 “Gestione del bilancio di massa nella filiera di produzione di biocarburanti e bioliquidi”. Il documento è ora in attesa di essere sottoposto ad inchiesta pubblica UNI, fase che indicativamente potrà espletarsi tra luglio e agosto.

La UNI/TS 11441 è stata pubblicata nel 2012 per integrare il quadro regolatorio in materia di sostenibilità dei biocarburanti definito dal Decreto Ministeriale 23 gennaio 2012 e composto dall’RT 31 di ACCREDIA “Prescrizioni per l’accreditamento degli Organismi che rilasciano certificati di conformità a fronte del Sistema Nazionale di Certificazione della sostenibilità dei biocarburanti e dei bioliquidi” e dalla UNI/TS 11429 del 2011 “Qualificazione degli operatori economici della filiera di produzione di biocarburanti e bioliquidi”.

Come cita la stessa 11441, la tracciabilità dei biocarburanti e dei bioliquidi è un requisito essenziale per permettere di ricostruire l’intera catena di custodia degli stessi. Ai fini della direttiva 2009/28/CE sulla promozione dell’uso dell’energia da fonti rinnovabili, della direttiva 2009/30/CE relativa alla qualità dei carburanti e alla riduzione delle emissioni di gas a effetto serra derivanti dal loro utilizzo, e dei loro decreti di recepimento, rispettivamente il Decreto Legislativo n. 28/2011 e n. 55/2011, l’applicazione di un sistema di tracciabilità diventa elemento fondamentale per garantire al mercato e alle autorità competenti che l’operatore economico sia in grado di dimostrare il rispetto del bilancio di massa e la veridicità delle sue dichiarazioni di sostenibilità associate al prodotto in uscita.

Poiché la catena di custodia è costituita da molti operatori economici è auspicabile, se non essenziale, che tutti gli operatori adottino un sistema di gestione conforme a quanto definito nelle UNI/TS 11441 e UNI/TS 11429 fornendo adeguata evidenza di aver rispettato i requisiti richiesti.

AI fine di fornire “solidità” a tale evidenza l’operatore economico individua, mediante il ricorso ad un sistema di gestione dei rischi, i punti di debolezza del proprio sistema gestionale che potrebbero mettere in crisi l’affidabilità dello stesso e di conseguenza portare a non conformità nella gestione dei prodotti, della tracciabilità e soprattutto del bilancio di massa secondo i requisiti definiti dal quadro normativo europeo e nazionale.
Al tempo stesso l’operatore imposta un bilancio di massa inteso, ai sensi delle due direttive citate, come quel sistema nel quale le informazioni sulle caratteristiche di sostenibilità rimangono associate alla partita e che consente il rispetto dei requisiti imposti per lo stesso dalle direttive citate.

La UNI/TS 11441 definisce in maniera puntuale i requisiti necessari per la gestione del bilancio di massa e riporta in un’appendice specifica vari esempi applicativi che spiegano come gestire le differenti partite di biocarburante, di biocombustibile o di prodotto intermedio in varie situazioni.

Dopo due anni di rodaggio, durante i quali sono state riscontrate varie casistiche a cui non si era pensato durante la prima stesura, si è ritenuto utile integrare gli esempi citati con nuovi casi a tutto vantaggio di una maggior trasparenza dell’intero sistema.
La nuova versione sarà pubblicata indicativamente entro la fine dell’anno in corso.

Antonio Panvini
CTI – Comitato Termotecnico Italiano
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Articolo pubblicato sulla rivista mensile del CTI "Energia e Dintorni. Il CTI informa", del mese di maggio 2015.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.