Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Quello dell'agroalimentare è un settore di primaria importanza per il nostro Paese.
Garantirsi contro utilizzi non appropriati dei disciplinari di produzione è un principio che va a vantaggio di tutta la filiera.
Il disciplinare DOP del Parmigiano reggiano prevede che non vengano utilizzati insilati per alimentare le vacche da latte (l'insilato è il prodotto di una tecnica di conservazione del foraggio, n.d.r.).

La Commissione "Agroalimentare" intende ora sviluppare una nuova norma nazionale che definisca un metodo per identificare gli acidi ciclopropanici che si sviluppano negli insilati. E' il metodo gascromatografico con rivelatore a spettrometria di massa (GC-MS), che pertanto risulta essere un importante marker per identificare le vacche che non sono state alimentate secondo il disciplinare del consorzio Parmigiano Reggiano.
La norma vuole dunque essere uno strumento a tutela e rispetto del disciplinare DOP.

Il progetto è sottoposto ora ad inchiesta pubblica preliminare.
Chiunque fosse interessato può inviare i propri commenti entro il 2 luglio.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.