Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Due progetti di norma di competenza UNINFO (Tecnologie informatiche e loro applicazioni), entrati ora in fase di inchiesta pubblica preliminare, riguardano alcuni profili professionali legati al mondo dell'Information and Communication Technology.
Si tratta del professionista della digitalizzazione documentale (progetto E14D00035) e dei profili professionali di terza generazione relativi alla gestione della privacy (progetto E14D00036).

Per quanto riguarda i professionisti della digitalizzazione documentale l’obiettivo è quello di supportare il corretto riconoscimento delle competenze indispensabili per gestire correttamente il processo di digitalizzazione e informatizzazione nei suoi aspetti tecnici, fattuali, manageriali e organizzativi all’interno di aziende, studi professionali e amministrazioni pubbliche.
I professionisti della digitalizzazione documentale rappresentano l’evoluzione dei profili ICT di seconda generazione, con specifico riferimento alla digitalizzazione del processo di gestione informativa e documentale. Questo si declina in sei profili ICT che operano su quattro macro aree di competenza (Open Data, trasparenza e pubblicità legale online, gestione elettronica dei documenti, trattamento dei dati nei sistemi di gestione documentale).

Il secondo progetto vuole invece utilizzare gli strumenti messi a disposizione dalla “Metodologia per la costruzione di profili professionali basati sul sistema e-CF” per definire i profili professionali di terza generazione relativi alla gestione della privacy.
Il tema della privacy riveste un’importanza fondamentale all’interno della società dell’informazione all’interno della quale viviamo e il preponderante uso delle tecnologie dell’informazione per svolgere ogni genere di attività porta chi lavora in questo ambito a doversi costantemente confrontare con l’ICT e le tecniche di sicurezza delle informazioni, come ampiamente dimostrato dai provvedimenti adottati in sede nazionale e internazionale dalle autorità garanti.

Le norme che si intendono sviluppare possono dare un contributo significativo alla corretta e sicura evoluzione del sistema.
I due progetti di norma resteranno in inchiesta pubblica preliminare sino al 2 luglio prossimo.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.