Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Il comitato tecnico europeo CEN/TC 44 "Commercial and Professional Refrigerating Appliances and Systems, Performance and Energy Consumption" rappresenta plasticamente gli sviluppi dell'industria della refrigerazione commerciale e professionale e il ruolo che l'Italia si è ritagliata in questo settore.
Segreteria UNI, un presidente (Davide Zannese) e sei gruppi di lavoro tutti a guida italiana testimoniano la leadership che il nostro Paese ha saputo guadagnarsi in un ambito in cui la normazione tecnica ha una parte rilevante. E soprattutto in un settore industriale in cui l'Europa rappresenta circa il 40% del mercato mondiale.

d zannese2Performance, consumi energetici, sicurezza alimentare: sono tutti aspetti che investono – direttamente e indirettamente - il campo della refrigerazione e che chiamano in causa sia il mondo della legislazione che quello della normazione.
"Nella evoluzione delle proposte legislative e dalla dialettica avuta con la Commissione europea nuove categorie di prodotto si sono affacciate nel panorama dell'attività normativa", spiega Davide Zannese, presidente del CEN/TC 44. "Si tratta ad esempio dei display cabinet per il gelato, degli ice cream freezer cioè i freezer per la vendita del gelato prodotto industrialmente o dei beverage cooler cioè i refrigeratori per le bevande".
Per queste tipologie destinate all'esposizione del prodotto al consumatore finale i requisiti sono sempre legati a un discorso di ottimizzazione delle prestazioni e dei consumi. Aspetti a loro volta legati a quel principio di sicurezza alimentare che ovviamente sta alla base di qualsiasi discorso sulla qualità del prodotto.
"Performance e consumo energetico sono legati tra loro. Ovviamente i prodotti devono rispondere a prescindere a criteri di food-safety", prosegue Zannese. "Questo significa in pratica conservare il cibo a certe temperature. Ecco: l'ecodesign (principio che rimanda alla direttiva europea 2009/3125/CE, n.d.r.) non fa che porre l'accento su quanto efficacemente si riescono a mantenere queste performance".

Il CEN/TC 44, nelle sue varie articolazioni, sviluppa la propria attività cercando di rispondere alle nuove esigenze individuate dalla Commissione europea.
La riunione che si è tenuta a Milano presso la sede UNI a fine maggio nasce proprio da questa necessità: "La Commissione europea ha richiesto recentemente di provare la ripetibilità e la riproducibilità dei test sui consumi energetici. In pratica si tratta di una esigenza di validazione dell'incertezza del dato e di verifica della sua tolleranza. In poche parole bisogna provare che ripetendo i test non ci siano variabilità o discrepanze nei risultati".
Non è però l'unico fronte aperto che vede impegnati i sei Working Group del comitato.
"Dobbiamo anche raffinare le ultime richieste da parte della Commissione europea", conclude Zannese. "Ci sono infatti numerose norme che sono in buona fase di elaborazione: dai refrigerated display cabinets alle walk-in cold rooms, dagli small ice creams freezer ai beverage cooler, dai refrigerated storage cabinets ai soft ice cream machines".

Norme che, sviluppate in ambito europeo, potranno rappresentare un buon spunto anche in sede ISO.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.