Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Abbiamo pubblicato in questi giorni la Relazione Annuale 2014, il documento di sintesi dei principali "fatti della normazione" dell'anno passato.
I campi di attività della normazione tecnica sono svariati e si estendono sempre di più in un sistema economico e sociale che si evolve incessantemente e sviluppa attività, bisogni, valori e problematiche sempre nuove.
relazione 2014Non a caso il Piano Strategico ISO 2016-2020 fa propria questa complessità, indicando alcune linee di intervento sulle quali l'attività normativa deve far sentire la propria voce: robotica e informatica, gestione dell'energia, emissioni di gas serra e cambiamenti climatici, risorse idriche, regole del commercio internazionale, invecchiamento della popolazione, governance globale e interazione tra Paesi sviluppati e Paesi in via di sviluppo... solo per citarne alcune.
"Tematiche sempre più complesse e interagenti", come affermato dal Presidente UNI Piero Torretta, "alle quali la normazione può dare un rilevante contributo".

La normazione è uno strumento dell'economia e della Società, uno strumento aperto e a disposizione di tutti. Ed è soprattutto uno “strumento per l’innovazione” che deve mantenere alta la tensione al cambiamento, la propensione a rimodernarsi continuamente e affrontare le sfide che un "ecosistema complesso" come quello in cui viviamo ci impone.
UNI fa la sua parte.
Il documento ora pubblicato traccia, in maniera semplice e divulgativa, un quadro esauriente delle attività che hanno visto l'Ente impegnato nel corso del 2014.

Sul fronte europeo e internazionale si sottolinea che dal 1° gennaio 2014 il CEN (Comitato europeo di normazione) si è dotato di una nuova forma di governo, riformulando ruoli, compiti e composizione del Consiglio di Amministrazione (CA) e dell’Assemblea Generale (AG). Il CEN CA è ora un organo di indirizzo politico e amministrativo che vede una partecipazione ristretta di membri, suddivisa in tre gruppi. Il primo, che dà diritto a un membro permanente nel CEN CA, è composto AFNOR, BSI, DIN e da UNI. Sempre dal 1° gennaio 2014, l’UNI è rientrato tra i componenti effettivi del Consiglio ISO e nel Comitato strategico, di cui farà parte fino alla scadenza del dicembre 2016.

A fine 2014 la verifica sulla applicazione del Regolamento Europeo 1025/2012 ha portato ad UNI un risultato molto positivo, con una valutazione complessiva tra il molto buono e l’eccellente.
Ed è nell'ottica di piena applicazione del Regolamento europeo sopra citato che, in ambito nazionale, a ottobre UNI e CNR hanno formalizzato un importante accordo quadro quinquennale finalizzato ad arricchire e implementare i contenuti della normazione tecnica.

Particolarmente rilevante l'avvio, proprio nel 2014, della nuova politica associativa. Entrata in vigore dal 1° gennaio, come noto ha portato alla formalizzazione di nove tipologie di Socio. A fianco del Socio aderente nelle due tipologie base e plus, il Socio effettivo è stato articolato in tre tipologie (agevolato, ordinario e speciale), ed è stato introdotto il Socio effettivo multi quota in quattro tipologie (di rappresentanza, sostenitore, promotore e Grande Socio).

Per quanto riguarda l'attività normativa, nel corso del 2014 è proseguito da un lato il processo di razionalizzazione degli organi tecnici, dall'altro sono stati sviluppati numerosi e importanti argomenti che hanno coinvolto sia l’ambito nazionale che quello europeo e internazionale.
Solo qualche esempio.
Nel 2014 il gruppo di lavoro “Sistemi di gestione per la sicurezza alimentare” ha partecipato all’attività ISO sui sistemi di gestione della sicurezza alimentare che ha portato alla pubblicazione di due parti della UNI ISO/TS 22002: la parte 2 “Ristorazione” e la parte 3 “Agricoltura”.
La commissione "Documentazione e informazione" ha portato a termine due norme sui requisiti di conoscenza, abilità e competenza del bibliotecario e dell’archivista, rispettivamente UNI 11535 e UNI 11536.
La commissione "Sicurezza" ha visto estendersi la propria attività europea con l'interfaccia del CEN/TC 433 sulle macchine e le attrezzature per pubblico spettacolo e del CEN/TC 422 sulla sicurezza dei sistemi di ventilazione a tende laterali.
Senza dimenticare gli importanti lavori di revisione della ISO 9001 e della ISO 14001 che sono ora in dirittura d’arrivo.

Il 2014 ha visto anche la rivisitazione del sito internet, con un nuovo layout grafico, una nuova organizzazione dei contenuti e una maggiore accessibilità.

Numerosi i corsi di formazione erogati ad un pubblico di tecnici, manager, imprenditori, professionisti e consulenti interessati ad apprendere e a mantenersi aggiornati sulle novità tecnico-normative e legislative che stanno alla base delle loro attività.

Dal punto di vista dei servizi e dei prodotti, nel luglio del 2014 è stato siglato con il Consiglio Nazionale degli Ingegneri un importante accordo per il mondo delle professioni: oltre 240mila ingegneri possono ora accedere alla visualizzazione dei testi integrali di tutte le norme UNI vigenti costantemente aggiornate tramite un servizio in abbonamento alla banca dati di tutte le norme UNI a cui si accede tramite rete internet e utilizzando le proprie credenziali d’accesso.

La Relazione Annuale approfondisce questi e molti altri temi. Uno spaccato significativo della vita dell’UNI nonché della realtà e delle potenzialità della normazione tecnica quale strumento di "servizio" della competitività del Paese.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.