Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

iso22000Garantire la sicurezza degli alimenti lungo tutta la catena alimentare, dove i prodotti a volte attraversano diversi confini prima di raggiungere il consumatore finale, è una problematica importante delle società moderne.

La prima pubblicazione della ISO 22000 sulla gestione della sicurezza alimentare risale al 2005; oggi produttori, consumatori e governi - gli attori coinvolti nella catena alimentare - avvertono la necessità di un suo aggiornamento.

E proprio con l’obiettivo di discutere i miglioramenti necessari da apportare nella revisione della norma, si è recentemente riunito a Dublino il gruppo di lavoro internazionale ISO/TC 34/SC 17/WG 8, ospitato dll’Ente irlandese NSAI-National Standards Authority of Ireland.

Una consultazione lanciata lo scorso anno tra gli utilizzatori della ISO 22000 ha permesso di rilevare alcune lacune nella versione attuale, potenziali fonti di confusione: ripetizioni inutili, necessità di chiarire alcuni concetti, PMI non sufficientemente integrate e, ancora, esigenze di miglioramento nella comprensione della valutazione dei rischi.

Priorità dunque ai punti critici individuati, che verranno affrontati nel corso del processo di revisione:

  • chiarire alcuni concetti chiave come gestione dei punti critici, programmi operativi necessari, approccio nei confronti del rischio, richiamo e ritiro del prodotto, combinazione di misure di controllo esterne
  • aggiornare termini e definizioni
  • semplificare la norma e renderla più concisa
  • evitare un contenuto troppo prescrittivo
  • includere più largamente le piccole e medie imprese.

E ancora: la ISO 22000 verrà allineata alle altre norme sui sistemi di gestione (Management Systems Standards-MSSs) che ormai seguono una identica struttura con testi, termini e definizioni comuni. Questo renderà più semplice alle aziende l’ottenimento della certificazione a più MSSs (per esempio ISO 9001 e ISO 22000): il formato armonizzato permetterà la coerenza tra le norme, la semplificazione nell’utilizzo combinato, la facilità di lettura e la comprensione da parte degli utilizzatori.

Mentre gli esperti dell’industria alimentare verranno espressamente coinvolti nei lavori di revisione, altri utilizzatori della norma saranno specificamente contattati secondo necessità - PMI, produttori di mangimi, industria degli alimenti per animali, organismi di regolamentazione…

Numerose imprese e organizzazioni non utilizzano la sola ISO 22000, ma questa in combinazione con la ISO 9001 sui sistemi di gestione per la qualità: da qui la volontà di allineare le due norme e garantire la loro coerenza.
Inoltre, la famiglia ISO/TS 22002 supporta specifici settori nell’implementazione della ISO 22000, mettendo a loro disposizione gli strumenti per sviluppare i necessari programmi di prerequisiti sulla sicurezza alimentare.

Il gruppo di revisione si riunirà nuovamente nel mese di ottobre 2015 per presentare il nuovo documento di lavoro.
La pubblicazione della norma è prevista per il 2017.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.