Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

24 progetti di norma nazionale e di adozione di norme ISO hanno cominciato l’inchiesta pubblica preliminare, che terminerà il prossimo 18 aprile. Le schede dei progetti saranno disponibili da domani sulla banca dati online e aperte ai vostri commenti.

Tre progetti di competenza CIG (Comitato Italiano Gas) riguardano i requisiti di progettazione, costruzione e collaudo di componenti associati ai sistemi di controllo della pressione per la distribuzione dei gas combustibili canalizzati, gli impianti a gas per l’ospitalità professionale di comunità e similare e la sorveglianza degli impianti di riduzione e regolazione della pressione e misura del gas per la sicurezza e l'efficienza degli impianti stessi e per assicurare la continuità di servizio.

Al fine di migliorare il quadro normativo a supporto delle certificazioni energetiche il CTI (Comitato Termotecnico Italiano) propone la revisione della norma UNI/TS 11300-4:2012 sull’utilizzo di energie rinnovabili e di altri metodi di generazione per la climatizzazione invernale e per la produzione di acqua calda sanitaria.

La Commissione Organi meccanici propone la revisione delle quattro norme UNI 4533, UNI 4534, UNI 4535 e UNI 4536 datate 1964. In tema di filettature metriche ISO a profilo triangolare, le norme riguardano il profilo e procedimento di calcolo degli elementi geometrici; le generalità, diametri e passi; le dimensioni nominali; le dimensioni nominali per bulloneria.

Interessa la Commissione Gestione per la qualità e metodi statistici l’adozione della norma ISO 10002:2014, documento che fornisce una guida per il processo di trattamento dei reclami relativi ai prodotti all'interno di un'organizzazione, comprendendo la pianificazione, la progettazione, il funzionamento, la manutenzione e il miglioramento.

Un progetto di competenza della Commissione Documentazione e informazione, futuro rapporto tecnico, fornisce indicazioni e approfondimenti per una corretta interpretazione della norma UNI 11536:2014 “Qualificazione delle professioni per il trattamento di dati e documenti - Figura professionale dell'archivista - Requisiti di conoscenza, abilità e competenza”, chiarendo termini, concetti ed espressioni attraverso l’uso di un linguaggio che possa essere recepito agevolmente da una più ampia platea di lettori.

Attiva la Commissione Gomma nell’adozione della norma internazionale ISO 6505:2015, che specifica un metodo per la determinazione della tendenza delle gomme vulcanizzate o termoplastiche ad aderire ai metalli e a corroderli quando esposti a prove ambientali specificate.

Il Gruppo di lavoro “Legno non strutturale” della Commissione Legno propone un progetto che intende definire le tipologie e le caratteristiche pertinenti degli elementi di appoggio delle pavimentazioni di legno per esterni, posate mediante fissaggio meccanico, e degli elementi di fissaggio stesso. La futura norma potrà essere applicata agli elementi di appoggio di legno, metallo, plastica.

Altri 10 progetti – tutti adozioni di norme ISO – interessano la Commissione tecnica Tecnologie nucleari e radioprotezione. Essi riguardano: le prove di verifica e prestazione per determinate l’accettabilità dei dosimetri personali per neutroni; i fasci di radiazione di riferimento per radioprotezione; la valutazione dei dati provenienti dal monitoraggio dei lavoratori esposti per motivi professionali a rischio di contaminazione interna da sostanze radioattive; la determinazione dei limiti caratteristici (soglia di decisione, limite di rivelabilità e limiti dell’intervallo di copertura) per le misurazioni di radiazioni ionizzanti; la misurazione della radioattività nell’ambiente (suolo).

Al GL “Sistemi di gestione per la sicurezza alimentare” della Commissione Agroalimentare appartiene il progetto di norma “Metodi per la conduzione di studi di valutazione degli effetti delle fluttuazioni termiche nella gestione della distribuzione dei prodotti deperibili nella filiera alimentare”. Il documento vuole essere di supporto agli operatori al fine di garantire la sicurezza e la qualità degli alimenti nel rispetto della legislazione comunitaria.

L’ultimo progetto in inchiesta preliminare interessa la Commissione Valutazione della conformità e vede il CEI Comitato Elettrotecnico Italiano come co-autore. Il documento, che adotta la norma internazionale ISO/IEC TS 17021-6:2014, integra gli attuali requisiti di cui alla ISO/IEC 17021:2011 e include specifici requisiti di competenza per il personale coinvolto nel processo di certificazione di sistemi di gestione per la continuità operativa (BCMS – Business Continuity Management Systems).

Da domani aspettiamo i vostri commenti!

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.