Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Dal 16 al 31 marzo sono in fase di inchiesta pubblica preliminare (vd. banca dati online) sette progetti di competenza del CTI (Comitato Termotecnico Italiano).
Il primo è la revisione della norma UNI 10200 e riguarda gli impianti termici centralizzati di climatizzazione.
La norma stabilisce i principi per la ripartizione delle spese di climatizzazione invernale, estiva e acqua calda sanitaria in edifici di tipo condominiale.
Un aggiornamento dello stato dell'arte si ritiene opportuno anche alla luce del fatto che la norma è citata in modo prescrittivo nel DLgs n.102/2014.

Di isolamenti termici per edilizia parla invece un nuovo progetto di norma nazionale, che si intende sviluppare perché attualmente manca una specifica normativa CEN o nazionale che fornisca regole certe per l’applicazione del sistema ETICS (sistema composito di isolamento termico per esterno).
Le linee guida in progetto hanno dunque l'obiettivo di permettere la garanzia della durabilità del sistema e della sostenibilità dei benefici attesi.

L’adozione della norma ISO 50015 – sulla misura e verifica della prestazione energetica delle organizzazioni - metterebbe invece a disposizione degli operatori, in modo trasparente e condiviso, uno strumento normativo a supporto della ISO 50001 e delle norme sulle diagnosi energetiche, richiamate dal legislatore nel Decreto Legislativo n. 102/2014 sull’efficienza energetica, quale utile strumento per avviare un processo di miglioramento dell’efficienza energetica nelle aziende italiane.
Analogo discorso per il progetto di adozione della norma ISO 50006 - "Misurazione della prestazione energetica utilizzando il consumo di riferimento (Baseline – EnB) e gli indicatori di prestazione energetica (EnPI)" – della norma ISO 50003 – “Requisiti per organismi che forniscono audit e certificazione dei sistemi di gestione dell’energia” – e della norma ISO 50004 – “Linee guida per l’implementazione, il mantenimento e il miglioramento di un sistema di gestione dell’energia”.

Di calcolo dell’efficienza energetica e dei risparmi si occupa invece il progetto di adozione della norma internazionale ISO 17742. Questa norma fornisce un approccio generale per il calcolo dell’efficienza e dei risparmi energetici mediante metodi basati su indicatori e misure specifici per entità geografiche quali Paesi, regioni e città. La norma prende in considerazione tutti i settori finali come quello residenziale, industriale, terziario, agricolo e del trasporto. Non considera l’efficienza e i risparmi nel settore della fornitura di energia e di vettori energetici (per esempio centrali elettriche, raffinerie e miniere di carbone) così come non considera i consumi relativi alla fornitura di materie prime come il petrolio per la produzione di materie plastiche.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.