Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Città più sostenibili anche grazie ad una progettazione e gestione attenta degli spazi verdi. Si è parlato di questo e di molto altro in occasione della presentazione lo scorso 30 gennaio della Prassi di Riferimento UNI/PdR8:2014 "Linee guida per lo sviluppo sostenibile degli spazi verdi – Pianificazione, progettazione, realizzazione e manutenzione" (scarica il documento).

spazi verdi rm30gen2015 1Ospitato nella Casa dell'Architettura presso l'Ordine degli Architetti P.P.C. di Roma e provincia, l'evento ha visto la partecipazione di numerosi professionisti del settore, di rappresentanti della pubblica amministrazione e di organizzazioni che operano nell'ambito della gestione e manutenzione del verde. È stata l'occasione per fare un quadro generale sugli strumenti di regolamentazione volontaria e cogente per la gestione sostenibile del paesaggio e del territorio, ma soprattutto per approfondire lo scopo, l'ambito di applicazione, le finalità, gli obiettivi qualità e la sperimentazione concreta da parte di qualche Ente Locale della Prassi di Riferimento.
Il punto fondamentale su cui si basa tutto il documento è quello della sostenibilità del paesaggio fondata sulle funzionalità ecologiche, sociali e produttive dello stesso. Migliorare la qualità della vita nelle città e, complessivamente, la vivibilità degli agglomerati urbani anche grazie ad un approccio progettuale – strategico e politico - e ad una gestione degli spazi verdi che consideri tutti e tre gli aspetti dello sviluppo sostenibile: quello ambientale, quello economico e quello sociale. Da qui si è partiti per definire i 15 obiettivi di qualità e le azioni a supporto del loro conseguimento – ha spiegato Davide Natale, Presidente di Landeres. Sempre da questi presupporti si sono individuati gli strumenti che una pubblica amministrazione dovrebbe predisporre per una gestione sostenibile del proprio territorio tramite l'elaborazione di piani di continuità ecologica del paesaggio locale, del regolamento e capitolato del verde, e la formazione del personale tecnico-amministrativo.

spazi verdi rm30gen2015 2Interessanti le testimonianze di chi ha iniziato un percorso di applicazione concreta della UNI/PdR 8 sul proprio territorio – come nel caso del Sindaco di Predappio e Consigliere BAI (Borghi Autentici d'Italia), Giorgio Frassineti - e di chi la percepisce come uno strumento a cui è possibile ispirarsi nella gestione sostenibile di beni paesaggistico-culturali, con l'intento di aumentare la qualità complessiva del paesaggio e di tutelare il capitale naturale del territorio, garantendo che le dinamiche ecologiche continuino ad evolversi nonostante l’intervento dell'uomo – come nel caso dell'intervento di Daniele Meregalli, Responsabile Ambiente del FAI.
Stimolanti gli spunti che l'intervento di Giulio Nardone, Vice-presidente dell'Istituto nazionale per la Mobilità Autonoma di Ciechi e Ipovedenti (I.N.M.A.C.I.) ha fornito in termini di accessibilità degli spazi verdi in generale, urbani in particolare, e della necessità di affrontare il tema dell'accessibilità per tutti dei diversi contesti urbani.

La giornata è stata conclusa da Patrizia Colletta, Presidente del Dipartimento Sostenibilità Ordine degli Architetti P.P.C. di Roma e provincia, che ha evidenziato come sia possibile migliorare la vivibilità del contesto urbano anche grazie alla progettazione e alla gestione sostenibile degli spazi verdi: un primo passo verso quello che si auspica diventi davvero, in futuro, una forma di "qualità diffusa" per le nostre città.

Per approfondire gli interventi ed i temi trattati nel corso dell'evento è possibile consultare il materiale disponibile sulla piattaforma slideshare: http://www.slideshare.net/normeuni

Per informazioni:
Direzione Relazione Esterne, Sviluppo e Innovazione
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.