Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

zhang xiaogangDal 1° gennaio scorso l’International Organization for Standardization-ISO ha un nuovo presidente: Zhang Xiaogang (Cina), in carica per il triennio 2015-2017, va a sostituire il presidente uscente Terry Hill.

Attualmente presidente della Ansteel Group Corporation, Zhang si è distinto nel corso degli anni per aver ricoperto posizioni di leadership in aziende che operano in campo siderurgico e per aver preso parte in molti progetti di ricerca, conseguendo una serie di riconoscimenti scientifici.
Il suo impegno nell’industria del settore lo ha portato a dirigere diverse associazioni e comitati nel campo della siderurgia, è stato presidente della World Steel Association e ha presieduto per 13 anni un comitato ISO.
A livello nazionale, è stato impegnato nei lavori del Chinese Standardization Expert Committee, dove ha giocato un ruolo importante nella pianificazione strategica, nelle politiche e nella ricerca normativa.

Nel suo messaggio in qualità di presidente entrante, Zhang si è impegnato a promuovere la sostenibilità dell’economia mondiale, dell’ambiente e della società e ad affrontare le sfide per il raggiungimento dell’obiettivo “One standard, one test, accepted everywhere”.

“Il 2015 è l’ultimo anno per l’attuazione dell’ISO Strategic Plan 2011-2015 e l’anno chiave per sviluppare il successivo per gli anni 2016-2020” ha affermato Zhang nel suo messaggio come nuovo presidente. “ISO si muoverà nell’intento di rafforzare la propria leadership come organizzazione di normazione. E nel corso del mio mandato, mi impegnerò su alcuni temi che considero prioritari.

PRIMO. Continuare a migliorare il profilo dell’ISO e fare delle norme internazionali una scelta vincente per le imprese. Far comprendere al meglio a tutti i soggetti interessati, comprese le imprese, ai clienti e agli istituti di ricerca i benefici della normazione. Incrementare i rapporti di cooperazione tra i membri ISO e altre organizzazioni e attori internazionali.

SECONDO. Accrescere ulteriormente il valore delle norme ISO e supportare la crescita di settori oggi rilevanti quali nuove energie e nuovi materiali, smart cities, risparmio energetico e protezione dell’ambiente, biotecnologie, IT, sicurezza pubblica, social governance, servizi al cittadino e sviluppo sostenibile.

TERZO. Costruire nuove strategiche partnership e promuovere la cooperazione tra ISO e altre SDOs (Standards Developing Organizations), organizzazioni intergovernative, ONG e collaborazioni industriali in campi specifici per superare lacune strategiche, cogliere le opportunità e affrontare le sfide per raggiungere l’obiettivo ‘One standard, one test, accepted everywhere’.

QUARTO. Migliorare i processi legati alle norme e costruire canali e sistemi che rendano più trasparente il processo di elaborazione degli standard. Utilizzare i social media per facilitare tale processo, al fine di garantire lo sviluppo tempestivo ed efficace delle norme di rilevanza sul mercato. Fare delle norme internazionali la prima e la migliore scelta per i consumatori. Sottolineare il ruolo dell’ISO nel promuovere la qualità nell’economia globale.

INFINE, continuare a fornire supporto ai paesi in via di sviluppo e incoraggiarli a partecipare attivamente nei processi di elaborazione e di attuazione delle norme. ISO continuerà a sostenere e ad accrescere la partecipazione dei paesi in via di sviluppo nella normazione internazionale.”

 Zhang ha poi concluso così il suo messaggio: “La strada da percorrere sarà lunga e la scalata ripida. Ma sono certo che con i nostri sforzi l’ISO conquisterà una posizione ancora più influente, a vantaggio di tutti i sette miliardi di persone nel mondo”.

Le congratulazioni dell’UNI al nuovo presidente e un augurio di buon lavoro.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.