Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

energySpesso, ciò che è buono per l’ambiente lo è anche per l’economia. L’efficienza energetica ne è un perfetto esempio.
I lavori normativi internazionali nel campo della gestione dell’energia, seguiti a livello nazionale dall’Ente federato CTI (Comitato Termotecnico Italiano), hanno portato alla pubblicazione nel 2011 della ISO 50001 (UNI CEI EN ISO 50001) che specifica i requisiti per creare, avviare, mantenere e migliorare un sistema di gestione dell'energia e, tre anni più tardi, delle ISO 50002 “Energy audits - Requirements with guidance for use” e ISO 50003 “Energy management systems - Requirements for bodies providing audit and certification of energy management systems”.

Per completare la gamma, l’ISO ha ora pubblicato tre nuovi documenti che offrono una guida e strumenti più specifici per dotare le imprese di un sistema che possa migliorare le loro prestazioni energetiche. Tra i criteri più ricercati dalle imprese a tal fine vi sono la riduzione dei costi e il miglioramento dell’efficienza, senza distinzioni di “taglia” o di stato dell'organizzazione.

Dal titolo comune “Energy management systems”, le norme che aiuteranno le imprese a migliorare i loro rendimenti energetici intendono:

  • guidare l'organizzazione ad adottare un approccio sistematico al fine di conseguire il miglioramento continuo nella gestione dell'energia e nelle prestazioni (ISO 50004)
  • fornire consigli pratici e linee guida su come soddisfare i requisiti della norma ISO 50001 e come gestire le loro performance energetiche (ISO 50006)
  • fornire una serie di principi e di linee guida per la misura e la verifica delle prestazioni energetiche, aumentando così la credibilità dei risultati (ISO 50015).

Dal punto di vista nazionale queste norme si inseriscono in un contesto di grande interesse verso l’efficienza energetica. L’attenzione è maggiormente evidenziata dal legislatore che, tramite il decreto legislativo 102/2014 di recepimento della direttiva 2012/27/UE sull’efficienza energetica, ha richiamato in più punti la normativa tecnica di settore. Le norme ISO, anche se non citate dal decreto di cui sopra a parte la ISO 50001, sono comunque ottimi strumenti integrativi che permetteranno al sistema paese di perseguire l’efficienza energetica in tutti i settori. Quanto sopra è vero tranne che per la ISO 50002 sulle diagnosi energetiche che, sovrapponendosi in modo non congruente all’esistente serie di norme europee EN 16247, è al momento da considerare come non applicabile al contesto europeo e nazionale.
In questo quadro “evoluto” il CTI è ancora all’opera per produrre nuovi strumenti integrativi a complemento del citato pacchetto di norme.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.