Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

fabio colomboA livello europeo opera un gruppo di lavoro (il CEN/TC 162/WG 9) che si occupa degli indumenti di protezione per motociclisti: parliamo di tute con protettori incorporati, di guanti, di stivali per motociclisti, di protettori per ginocchia, gomiti e torace, di paraschiena ecc... Per ciascuno di questi prodotti esiste una specifica norma tecnica europea – adottata in Italia dall’UNI – che stabilisce i requisiti di sicurezza e i metodi di prova atti a garantirne il buon funzionamento, l’affidabilità, le caratteristiche ergonomiche, prestazionali e qualitative.

Tra i vari tipi di protettori vi sono anche quelli gonfiabili, meglio noti come airbag per motocilcisti. Si tratta di dispositivi gonfiabili che vengono solitamente incorporati all’interno di altri indumenti (o anche indossati sopra di essi) e che vengono attivati meccanicamente in caso di incidente o di caduta del motociclista e il cui scopo è quello di ridurre la gravità delle eventuali lesioni.

L’attività sugli airbag viene seguita in particolare da un gruppo ad hoc europeo coordinato dall’italiano Fabio Colombo con il quale abbiamo parlato per farci spiegare concretamente come funzionano e a cosa servono questi prodotti.

“Sono prodotti che devono essere utilizzati da tutti e non solo dai professionisti – afferma Colombo – in quanto l’utente maggiormente “a rischio” è quello che utilizza la moto tutti i giorni, ad esempio per recarsi al lavoro. Il numero di incidenti che si registrano ogni anno è rilevante per cui è importante che vengano utilizzati tutti gli strumenti più idonei per la propria sicurezza”  (>> guarda la videointervista sul canale UNI di YouTube).

Gli airbag sono trattati dalla parte 4 della norma UNI EN 1621. Le altre tre parti riguardano, rispettivamente, i protettori degli arti (parte 1) i paraschiena (parte 2) e i protettori del torace (parte 3, attualmente in fase di preparazione).

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.