Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Fase di inchiesta pubblica finale dal 12 dicembre al 23 febbraio 2015 per tre progetti di norma di competenza del Comitato Italiano Gas. Per la consultazione dei documenti tecnici e l’invio degli eventuali commenti, consultate la banca dati dei progetti di norme UNI in inchiesta pubblica finale.

“Sistemi di controllo della pressione del gas funzionanti con pressione a monte compresa fra 0,04 bar e 5 bar - Progettazione, costruzione e collaudo” è il titolo di due documenti che nello specifico riguardano “Parte 1: Generalità” (progetto E01059391) e “Parte 2: Sistemi di controllo” (progetto E01059392).
La Parte 1 specifica i requisiti dei nuovi sistemi di controllo della pressione per gas canalizzati, che sono alimentati da condotte con MOPU ≤ 5 bar, funzionanti con pressione a valle non maggiore di 0,04 bar per gas della prima e seconda famiglia secondo la UNI EN 437, impiegati per alimentare una rete di distribuzione o direttamente le utenze domestiche o similari, nonché i requisiti specifici dei sistemi di controllo con portate termiche < 1 200 kW. Per i gas della terza famiglia secondo la UNI EN 437, la futura norma si applica ai nuovi sistemi di controllo della pressione del gas, limitatamente agli schemi impiantistici e per una pressione di valle < 0,07 bar, mentre per le attrezzature, gli insiemi e le disposizioni di progettazione, costruzione, installazione ed esercizio del deposito di GPL valgono le specifiche disposizioni contenute nelle Regole tecniche di prevenzione incendi.
La Parte 2 si applica ai sistemi di controllo alimentati da condotte con MOPU ≤ 5 bar poste a valle di un impianto di ricezione, prima riduzione e misura del gas naturale secondo UNI 9167 e con pressione a valle non maggiore di 0,04 bar, impiegati per alimentare una rete di distribuzione o direttamente le utenze domestiche o similari, nonché i requisiti specifici dei sistemi di controllo con portate termiche ≤ 1 200 kW. Per i sistemi di controllo della pressione che alimentano utenze domestiche e similari con pressioni di fornitura MOPd ≤ 0,04 bar, ma con la pressione massima di esercizio a monte 5 < MOPu ≤ 12 bar, si applica la UNI 10390. In caso di presenza di un unico sistema di controllo che alimenta utenze civili e utenze domestiche o similari si applicano i requisiti più restrittivi presenti nelle relative norme di riferimento.
Le due norme sostituiscono la UNI 8827:1985 + A1:1991.

Il terzo progetto, futura specifica tecnica, è stato elaborato con la finalità di consolidare e uniformare a livello nazionale le metodologie di lavoro attualmente in uso per la riparazione di condotte e impianti di derivazione di utenza del gas naturale in esercizio con pressione massima di esercizio ≤ 5 bar, finalizzata alla messa in sicurezza, nell’ambito delle attività di pronto intervento e di manutenzione ordinaria e straordinaria. Il documento E01059420 “Condotte e impianti di derivazione di utenza del gas con pressione massima di esercizio ≤ 5 bar - Tecniche di riparazione” descrive le principali tecniche per la riparazione e la messa in sicurezza di condotte e impiani, nell’ambito delle attività di pronto intervento e di manutenzione ordinaria e straordinaria.
La UNI/TS prende in considerazione le principali tipologie di condotte costituenti attualmente gli impianti di distribuzione del gas naturale, anche qualora i materiali costituenti le condotte non siano più previste dalle norme in vigore.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.