Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Per completare il pacchetto normativo a supporto del decreto legislativo n. 81/2008 per la valutazione del rischio da rumore, nonché fornire un supporto di confronto per i medici competenti o i periti legali nel valutare se le audiometrie effettuate sui lavoratori corrispondano a quelle statisticamente prevedibili a parità di esposizione, la Commissione Acustica e vibrazioni propone il progetto U20002700, adozione della norma internazionale ISO 1999:2013.

La misura dell'esposizione al rumore per una popolazione a rischio è il livello di esposizione al rumore normalizzato a una giornata lavorativa nominale LEX, 8h, per un dato numero di anni di esposizione. Il progetto di norma “Acustica - Stima della perdita uditiva indotta dal rumore” definisce un metodo per calcolare lo spostamento permanente della soglia uditiva di popolazioni adulte causata dall’esposizione a rumore, compresa la distribuzione statistica nella gamma di frequenze audiometriche in funzione del livello e della durata dell’esposizione.

La futura norma – che si applica a rumori di frequenza minore di circa 10 kHz, costanti, intermittenti, fluttuanti, irregolari, o a carattere impulsivo – fornisce la base per il calcolo del danno uditivo.
Per calcolare i livelli di soglia di udibilità e il rischio di contrarre una perdita uditiva causata dall’esposizione al rumore è necessario avvalersi di una popolazione paragonabile. La norma internazionale contiene una definizione di popolazione otologicamente normale accuratamente selezionata (secondo la UNI ISO 7029) e tre esempi di popolazione non selezionata di tre società tipicamente industrializzate.

La definizione data nella norma del “rischio di danno uditivo” può aiutare gli addetti ai lavori fornendo parametri oggettivi di valutazione nei contenziosi legati al riconoscimento di danni legati all’esposizione al rumore in ambito professionale e non.
Il confronto tra gli audiogrammi reali dei lavoratori o della popolazione non professionalmente esposta con quelli statisticamente prevedibili può indicare in maniera precoce problemi all’udito delle singole persone o rilevare che i programmi di contenimento dell’esposizione non hanno avuto i risultati sperati; altresì può indicare che i livelli di esposizione personale al rumore LEX, 8h registrati nelle perizie fonometriche sono stati male stimati, o che i DPI uditivi hanno efficacia inferiore al previsto.

Il progetto U20002700 si trova nella fase dell’inchiesta pubblica preliminare, fase che scadrà il prossimo 16 dicembre. Sino a quella data è possibile inviare commenti nelle apposite pagine del sito web (>> vai alla banca dati).

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.