Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

A metà ottobre UNI ha ospitato la riunione plenaria del Comitato Tecnico ISO/TC 2 “Fasteners”. Un evento importante che conferma il ruolo internazionale dell’Italia in questo settore industriale che, nel panorama della meccanica, ha quasi un ruolo archetipico.
I maggiori esperti di viteria e bulloneria, provenienti dai principali Paesi produttori del mondo (Australia, Canada, Cina, Danimarca, Francia, Germania, Giappone, Italia, Spagna, Svezia, Svizzera, USA), si sono dunque ritrovati a Milano. Più di 30 delegati si sono confrontati e hanno portato avanti il ricco programma di normazione di quello che può essere considerato uno dei comitati da più tempo attivi in campo internazionale.
Quello degli elementi di collegamento è infatti uno dei settori in cui storicamente la normazione tecnica ha maggiormente esercitato la propria influenza, permettendo di utilizzare prodotti più sicuri e di qualità nel rispetto di regole condivise a livello mondiale.

fasteners plenary meeting 01La settimana di riunioni, in calendario dal 13 al 17 ottobre scorso, si è aperta con l'ISO/TC 2/WG 13 “Washer and non-threaded fasteners”, a segreteria e convenorship italiana.
Oltre all’attività di revisione periodica delle norme ISO, che ogni cinque anni vengono riviste e aggiornate, il gruppo di lavoro ha discusso sullo stato di avanzamento di alcuni significativi progetti, tra i quali l’ISO PWI 898-3 "Mechanical properties of fasteners made of carbon steel, alloy steel and stainless steel - Part 3: Flat washers with specified property classes" (PWI sta per Project Work Item, n.d.r.).
Sullo stesso argomento si è deciso di aprire un nuovo progetto dal titolo “Washers - Test methods”.
Si è inoltre discusso sul progetto ISO CD 4759-3 "Tolerances for fasteners – Part 3: Washers for bolts, screws and nuts - Product grades A, C and F", che ora sta entrando nella fase ISO/DIS.

I lavori sono proseguiti con la riunione del sottocomitato ISO/TC 2/SC 12 "Fasteners with metric internal thread", che segue i lavori di normazione sui dadi.
Due i progetti di norma ora allo stadio di draft: l'ISO/DIS 2320 "Fasteners - Prevailing torque type steel nuts - Mechanical and performance properties" e l'ISO/DIS 10484 "Fasteners - Widening test on nuts".
Particolarmente significativi inoltre i lavori di revisione che vedono coinvolta una delle norme più importanti del settore: la UNI EN ISO 898-2 "Caratteristiche meccaniche degli elementi di collegamento di acciaio al carbonio e acciaio legato - Parte 2: Dadi con classi di resistenza specificate - Filettatura a passo grosso e filettatura a passo fine".

fasteners plenary meeting 03A seguire, la riunione dell’ISO/TC 2/SC 14 “Surface coatings”, che segue i lavori di normazione sui trattamenti superficiali. La recente pubblicazione delle norme ISO 1891-2 "Fasteners - Terminology - Part 2: Vocabulary and definitions for coatings" e UNI EN ISO 10683 “Elementi di collegamento - Rivestimenti non elettrolitici di lamelle di zinco" - in fase di recepimento anche in traduzione italiana - è un punto qualificante dei lavori della SC, la quale sta anche portando avanti la revisione dell'importante norma ISO 4042 “Fasteners — Electroplated coatings” (“Elementi di collegamento - Rivestimenti elettrolitici”), la cui precedente edizione risale ormai al 2003.

Giovedì 16 ottobre è stata invece la volta dell’ISO/TC 2/SC 7 "Reference standards". Al centro delle discussioni, le norme di riferimento che trattano i temi legati alla qualità, al campionamento e ai tipi di documenti di controllo che devono accompagnare i prodotti. In particolare gli esperti dell’SC 7 hanno trattato lo stato di avanzamento di alcuni progetti tra cui: ISO/PWI 1891-3 “Fasteners - Terminology - Part 3: Mechanical properties and testing”; ISO/CD 1891-4 “Fasteners - Terminology - Part 4: Controls, inspection, delivery, acceptance and quality”; ISO/CD 16228 “Fasteners - Inspection documents” e ISO/NP 3269 “Fasteners - Acceptance inspection”.
Per quanto riguarda questi ultimi due progetti, che trattano dei documenti di campionamento legati agli elementi di collegamento, le nuove norme avranno il compito di far chiarezza su alcune incertezze che ad oggi ancora sussistono. In particolare, la norma sui criteri di accettazione vuole apportare degli elementi di miglioramento della norma attuale, nell’ottica di uno spiccato aggiornamento dei suoi contenuti in grado di metterla in linea con le principali problematiche che chi opera nel settore incontra più di sovente.

I lavori dell’ISO/TC 2/SC 11 "Fasteners with metric external thread" sono stati altrettanto intensi, in virtù della conclusione dei lavori – e relativa pubblicazione - delle norme ISO 10664 "Hexalobular internal driving feature for bolts and screws" e UNI EN ISO 4017 "Elementi di collegamento - Viti a testa esagonale con gambo interamente filettato - Categorie A e B", quest'ultima già ufficialmente adottata nel corpus normativo nazionale (oltre che europeo).
Oltre a ciò si segnala l’avanzamento dei lavori di revisione della ISO 10642 "Hexagon socket countersunk head screws".

fasteners plenary meeting 04Analoga intensa attività contraddistingue l’ISO/TC 2/WG 17 "Stainless steel fasteners" – anch’esso a segreteria e convenorship italiana - attualmente impegnato nella periodica revisione delle norme della serie ISO 3506 sulle caratteristiche meccaniche degli elementi di collegamento di acciaio inossidabile resistente alla corrosione. Oggetto di specifiche attività sono la parte 1 (“Mechanical properties of corrosion-resistant stainless steel fasteners - Part 1: Bolts, screws and studs") e la parte 2 (“Mechanical properties of corrosion-resistant stainless steel fasteners - Part 2: Nuts”), così come le parti 5 ("Special fasteners for heat resistance and high temperature applications") e 7 ("Stainless steel washers").

Infine la riunione plenaria ha eletto Stefan Bayer nuovo presidente dell'ISO/TC 2 per il triennio 2015-2017. Egli succederà dunque a Werner Schulte, al quale sono andati i sentiti ringraziamenti di tutti i delegati per l’efficacia e la dedizione con cui ha svolto il suo lavoro.

Il prossimo Plenary Meeting dell’ISO/TC 2 si terrà ad ottobre del 2015 a New Orleans, negli Stati Uniti.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.