Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

ceramic tilesCom’è noto, l’industria ceramica rappresenta una delle eccellenze del Made in Italy. Con 236 aziende, 27.000 addetti nel 2013 e un fatturato a 5,5 miliardi di euro con un export del 75%, il comparto delle piastrelle di ceramica prodotte in Italia raggiunge i 4,73 miliardi di euro. Questo grazie a un export di 3,87 miliardi e anche al perdurare delle difficoltà del mercato interno. Oltre 740 milioni di euro il fatturato di ceramica sanitaria, materiali refrattari e stoviglie, che occupano 6.500 addetti.

Nel primo trimestre 2014 la ripresa dei consumi dell’Unione Europea, che nel caso delle esportazioni di piastrelle di ceramica dall’Italia ritorna a doppia cifra dopo diversi semestri, viene trainata dalla Germania (+16,46% in fatturato), dalla Francia (+10,18%) e dalla Gran Bretagna (+29,20%) (ndr Dati: Assemblea 2014 Confindustria Ceramica).

A sostegno dell'innovazione e della competitività di uno dei settori tra i più rappresentativi e trainanti delle eccellenze italiane, la normazione ha sempre collaborato attivamente tanto da guadagnarsi nel tempo uno spazio in primo piano, anche nei tavoli internazionali.
È del mese di ottobre 2014 la pubblicazione della norma internazionale UNI EN ISO 10545-8 “Piastrelle di ceramica – Parte 8: Determinazione della dilatazione termica lineare”. Questa norma, tradotta in italiano allo scopo di assecondare le esigenze del mercato nazionale, sostituisce la precedente versione del 1996 ed è stata elaborata sotto la competenza della Commissione tecnica UNI Prodotti, processi e sistemi per l’organismo edilizio.

Da una corretta installazione e posa dipende la buona riuscita e successivamente la fruibilità di una pavimentazione. Ecco perché determinare il coefficiente di dilatazione lineare è così importante: un calcolo corretto previene la deformazione o addirittura la rottura delle piastrelle.

Alla funzionalità si associano le buone prestazioni tecniche, la facilità d'installazione e di manutenzione. Proprio parlando di prestazioni, la UNI EN ISO 10545-8 risponde alla richiesta “tecnica” definendo un metodo di prova per determinare il coefficiente di dilatazione termica lineare delle piastrelle di ceramica. La dilatazione termica è la variazione dimensionale reversibile che qualunque materiale può subire in caso di cambiamento della temperatura: nello specifico, subisce una dilatazione se la temperatura aumenta, si contrae se la temperatura diminuisce. Tale dilatazione viene misurata proprio con il coefficiente di dilatazione termica lineare che è determinato nell’intervallo di temperatura tra quella ambiente e 100° C. Per realizzare la prova descritta nella norma sono necessari: un’apparecchiatura per la dilatazione termica in grado di elevare la temperatura di 5/6 °C/min e di ripartire in modo uniforme il calore; un calibro; una stufa o sistema analogo per riscaldare (microonde, raggi infrarossi, ecc.), un essicatore ed è necessario preparare alcuni campioni di piastrelle per poter eseguire la prova.
Dopo aver eseguito i test sui campioni appositamente predisposti dovrà essere redatto un rapporto di prova che specificherà: il riferimento alla norma, una descrizione delle piastrelle esaminate e il coefficiente di dilatazione lineare.

Concludendo, la dilatazione e la contrazione di un materiale, in questo caso di piastrelle in ceramica, sono aspetti importanti nella progettazione, pertanto, determinarne il coefficiente di dilatazione termica lineare risulta essere un aspetto fondamentale per progettare pavimentazioni a regola d’arte.
La normativa riguardante questo settore ha sempre rappresentato un valido strumento per rispondere alle richieste di un mercato sempre più esigente; infatti l’applicazione della UNI EN ISO 10545-8 rappresenta proprio un aiuto concreto per tutti coloro che operano nel settore ceramico.

Maggiori informazioni sulla norma - disponibile sia in formato elettronico che in formato cartaceo - sono disponibili sul Catalogo UNI.

UNI EN ISO 10545-8:2014
Piastrelle di ceramica - Parte 8: Determinazione della dilatazione termica lineare
Euro 46,00 (+ IVA)

Ai Soci effettivi UNI è riservato uno sconto del 15% sull’acquisto delle singole norme.

Per informazioni:
Settore Vendite
Tel. 0270024200 (call center dalle 8.30 alle 12.00 e dalle ore 14.00 alle 17.00, dal lunedì al venerdì)
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.