Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

european comference 30oct2014Più di 370 delegati tra cui rappresentanti di progetti di ricerca e innovazione, delle imprese, delle organizzazioni nazionali ed europee di normazione e la Commissione europea hanno partecipato alla Conferenza “Standards: Your Innovation Bridge” (Bruxelles, 30 ottobre 2014) organizzata da CEN e CENELEC in collaborazione con EFTA-Associazione europea di libero scambio.
Programmata nel quadro del progetto BRIDGIT-Bridging the Gap between Research and Standardization, la conferenza aveva l’obiettivo di riunire i rappresentanti di tutte le parti interessate per esaminare – a livello europeo – il rapporto tra le attività di ricerca e innovazione e la normazione.

La normazione è uno strumento efficace e potente per condividere conoscenze e trasferire nuove tecnologie, idee e innovazioni sul mercato. È già stato dimostrato in settori quali i sistemi di produzione avanzati, l’energia, le tecnologie dell’informazione, il riciclo, i trasporti, la sicurezza.

Ad aprire la conferenza l’intervento di Scott Steedman, CEN Vice-President Policy. Egli ha sottolineato come le norme accelerano l’innovazione e aumentano le probabilità di successo. “Le norme sono diventate il carburante della conoscenza per le imprese” perché stanno guidando la crescita di settori nuovi ed emergenti come quello dei veicoli elettrici, della microbiologia, ecc..

Christian Reinaudo –amministratore delegato di Agfa-Gevaert – ha portato come esempio le norme sui requisiti di radiografie e scansioni in ambito sanitario per spiegare i vantaggi della normazione in termini di condivisione della conoscenza, introduzione di nuove tecnologie e apertura dei mercati. Egli ha affermato che “la normazione, l’innovazione e la proprietà intellettuale sono tre facce dello stesso triangolo, dove le norme rappresentano l’infrastruttura comune che fornisce la base per l’innovazione”.

Clara de la Torre della DG Ricerca e Innovazione della Commissione europea ha sottolineato che la normazione può facilitare la diffusione dell’innovazione in nuovi prodotti e che vi è la necessità di regole normative sin dalla fase iniziale di progettazione e sviluppo di un progetto di ricerca/innovazione.

 Nel pomeriggio si sono tenute le sessioni di approfondimento tematico, delle quali Ruggero Lensi di UNI ha moderato i lavori, sull’importanza della valutazione d’impatto della normazione nelle strategie aziendali e le relative decisioni di management.

Le conclusioni della conferenza sono state riassunte da Elena Santiago Cid, direttore generale CEN CENELEC. Nel suo discorso ha evidenziato la necessità di integrare la normazione nei progetti di ricerca e di identificare i punti di ingresso della ricerca nell’elaborazione delle norme, al fine di garantire risultati efficienti. Ha poi insistito sul fatto che le aziende potrebbero trarre beneficio dal collegare più strettamente le loro attività di ricerca, innovazione e normazione alle strategie di business globali. “È nostra convinzione che le norme possano realmente collegare innovazione e mercato. Dobbiamo lavorare più duramente e portare i valori strategici della ricerca e della normazione in una Europa più competitiva”.
Uno dei prossimi passi sarà quello di migliorare i contatti tra ricercatori, innovatori e normatori e di identificare reciproche e vantaggiose collaborazioni. A questo proposito il direttore CEN CENELEC ha accolto con favore l’impegno della Commissione europea nell’incoraggiare i collegamenti tra progetti di ricerca/innovazione e attività di normazione, in particolare nel quadro del programma Horizon 2020.
Concludendo, Elena Santiago Cid ha parlato della necessità di un cambiamento culturale nella “standardization community”. "Dobbiamo introdurre l'innovazione nella normazione" ha detto "e dobbiamo avere la capacità di adattarci alle nuove esigenze in modo tempestivo. Si tratta di una sfida per la comunità della ricerca, per gli innovatori e, certamente, per i normatori".

Per maggiori informazioni sulla Conferenza europea “Standards: Your Innovation Bridge” consultare la pagina web:
www.cencenelec.eu/news/events/Pages/EV-2014-02.aspx

Per informazioni sulla relazione tra ricerca, innovazione e normazione:
www.cencenelec.eu/research

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.