Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

acquisti sostenibiliI termini possono variare – «acquisto sostenibile», «acquisto eco-responsabile», «approvvigionamento sostenibile» – ma designano tutti il medesimo percorso. Chi non sarebbe disposto, in materia di acquisti e di approvvigionamenti, a prediligere pratiche sostenibili?

Secondo l’Environmental Protection Agency (EPA), a seguito della crescente domanda di prodotti ecologici riscontrata sul mercato negli ultimi anni, il numero di norme applicabili ai prodotti “verdi” è notevolmente cresciuto. In parallelo, hanno iniziato però a manifestarsi preoccupazioni in tema di “greenwashing” e di credibilità dei marchi ecologici e delle dichiarazioni ambientali legati alle norme.

Come può quindi una organizzazione essere sicura delle proprie scelte? Esiste una norma generale di riferimento che tutte le imprese possono utilizzare?

Che cosa si intende per acquisto sostenibile
Un processo nel quale le organizzazioni si procurano i beni, le prestazioni e i servizi di cui necessitano generando benefici non solo all’organizzazione stessa, ma anche alla società e all’economia, minimizzando al contempo gli impatti negativi sull’ambiente.

Perché una norma ISO e in che modo potrà contribuire
La futura ISO 18617 diventerà un preciso riferimento ben al di là della sola filiera degli acquisti e degli approvvigionamenti andando a diffondere, su tutte le catene logistiche, e in definitiva nell’intera economia mondiale, le buone pratiche in materia di CSR contenute nella norma UNI ISO 26000 “Guida alla responsabilità sociale”.
La norma, elaborata dal Comitato ISO/PC 277, permetterà di uniformare le linee guida e i principi applicabili da tutti gli stakeholders coinvolti nei processi di acquisto – imprese, fornitori, acquirenti, autorità locali – per dimostrare il loro impegno in materia di acquisti sostenibili.

Chi ne beneficerà
Ne beneficeranno tutte le organizzazioni, indipendentemente dalla dimensione e dal settore di attività, che potranno integrare i principi e i temi della responsabilità sociale all’interno dei loro processi di acquisto.

I vantaggi:
- la valorizzazione di queste pratiche emergenti di gestione responsabile degli acquisti
- la distinzione tra programmi che rappresentano autentici sforzi in difesa dell’ambiente, dei diritti umani e contro la corruzione su tutta la catena di approvvigionamento e programmi che si rivelano semplici attività “di facciata”
- incoraggiare le altre organizzazioni a seguire questa strada, beneficiando dell’esperienza dei precursori e degli esperti in materia.

Per informazioni sull’ISO committee draft (CD) clicca qui

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.