Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

intervista dattiloIl 18 marzo scorso si sono riunite a Milano le due Commissioni tecniche UNI “Comportamento all’incendio” e “Protezione attiva contro gli incendi”.
La recente nomina di Fabio Dattilo, Direttore Centrale per la Prevenzione e Sicurezza Tecnica del Dipartimento dei Vigili del fuoco, alla presidenza di questi due importanti organi tecnici è stata l’occasione per fare un punto riassuntivo sulle attività di normazione in questo ambito, sulla loro impostazione strategica, sui loro sviluppi.

La normazione” – chiarisce Fabio Dattilo – “gioca due ruoli fondamentali: garantire il mercato, ma soprattutto garantire la sicurezza e la salvaguardia della pubblica incolumità, dei beni e delle cose.
Nel campo delle tecnologie antincendio questo aspetto è di particolare rilevanza. A questo proposito va detto che il livello di “copertura normativa” in questo settore è ottimale, anche se si tratta – necessariamente - di un processo di aggiornamento continuo, a motivo della costante evoluzione tecnica. Ciò che quindi bisogna fare è coordinare gli sforzi e, quanto più possibile, semplificare. “Semplificare e rendere coerenti le norme con un disegno strategico più generale”, aggiunge Fabio Dattilo.

Qual è dunque il fronte su cui le due commissioni tecniche sono chiamate al momento a impegnarsi?
Senz’altro individuare i programmi annuali di lavoro”.
Certo, l’articolazione interna delle commissioni tecniche e il loro interfacciamento con i comitati CEN e ISO, espongono potenzialmente a un rischio di dispersione. Per questo “i gruppi di lavoro devono comunicare tra loro, agire di concerto, in maniera tale che le norme non siano documenti a se stanti ma facciano parte di un disegno unitario e coerente”. E, quindi, più efficace.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.