Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Sono stati avviati i lavori sul progetto di prassi di riferimento "Governance di un Ente Locale attraverso il coinvolgimento della Comunità". Si tratta di una linea guida per l'attuazione di un processo di governo per la definizione di obbiettivi e strategie in grado di portare, grazie al coinvolgimento della Comunità, a risultati sostenibili.
Questa nuova prassi di riferimento verrà realizzata in collaborazione con il Comune di Capannori, un comune nella provincia di Lucca di circa 46.000 abitanti ed un territorio di 156,60 km².
Mercoledì 26 febbraio si è svolta nel palazzo municipale la riunione insediativa del tavolo di lavoro, a cui hanno partecipato il sindaco, Giorgio Del Ghingaro, Ruggero Lensi ed Elena Mocchio per UNI, Pasquale Sgrò e Matteo Pucci di “Studio Sgrò”, l’assessore alle politiche educative e al bilancio, Lara Pizza e il dirigente scolastico dell’istituto comprensivo di Camigliano, Giorgio Dalsasso.

capannori guida buone pratiche 2014 02 26 2Capannori è un riconosciuto punto di riferimento per la Pubblica Amministrazione locale in materia di coinvolgimento dei vari stakeholders, in particolare sulle tematiche ambientali, per il quale è rinomato per la raccolta differenziata porta a porta.
"Il nostro Comune condividerà le proprie conoscenze con chiunque ne sia interessato - ha spiegato Giorgio Del Ghingaro, sindaco di Capannori - affinché le buone pratiche di governo, che danno benefici concreti a tutta la comunità, possano essere esportate con maggiore efficacia ed adattate ad altre realtà. Lo farà grazie a un documento, la prassi di riferimento, che indicherà delle precise linee guida, che sarà steso grazie alla preziosa opera di una squadra di lavoro che vede al suo interno esperti e l’UNI".

La realizzazione della prassi di riferimento è nata dal crescente interesse che altri soggetti hanno manifestato nei confronti delle politiche promosse dall’amministrazione comunale.
"Si tratta di una collaborazione molto positiva – ha aggiunto Ruggero Lensi - che permetterà di evidenziare il livello di governance che sta a monte delle buone pratiche. L’UNI, ancora una volta, si dimostra un ente utile per tutti quei soggetti che vogliono trasferire in maniera precisa e veloce le conoscenze. E’ proprio a questo che serve la prassi di riferimento".

In pochi mesi la prassi di riferimento dovrebbe essere ultimata e fornire così ad altre realtà locali un utile strumento di riferimento, una guida per una efficace governance dei territori. “Intendiamoci – precisa il sindaco – il documento vuol essere un punto di partenza per fare sempre meglio". Un concetto che trova concorde anche Ruggero Lensi: "ciò che questa prassi di riferimento vuole fare è proprio dare uno spunto, un esempio di buona pratica".
E' questo in fondo la natura della prassi di riferimento: una tipologia di documento para-normativo nazionale che va nella direzione auspicata di trasferimento dell’innovazione e di preparazione di nuovi contesti di sviluppo per le future attività di normazione.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.