Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

La Commissione Cemento, malte, calcestruzzi e cemento armato propone il progetto U96000450 "Determinazione del colore nel cemento e nel clinker": una standardizzazione della metodica è fondamentale in quanto le variabili strumentali che possono essere utilizzate nella misura del colore portano a notevoli differenze di risultato, confondendo quindi il mercato e gli aspetti tecnologici di produzione.

La futura norma definisce il metodo per la determinazione del colore nei cementi e nei clinker. Tale metodica di misura del colore applicabile ai cementi/clinker si rende necessaria per definire una maniera univoca per ottenere dati colorimetrici che possano identificare con parametri oggettivi la differenza tra un cemento/clinker bianco e uno grigio.

La decisione della Commissione UE del 27 aprile 2011 stabilisce norme transitorie ai fini dell'armonizzazione delle procedure di assegnazione di quote di emissioni ai sensi della direttiva 2003/87/CE a decorrere dal 2013 e fino al 2020. In tale documento vengono identificati i sottoimpianti oggetto di un parametro di riferimento prodotto e tra essi vengono distintamente identificati clinker di cemento grigio e clinker di cemento bianco: per questi due prodotti l'assegnazione di quote gratuite avviene secondo criteri differenti.
Al fine quindi di ottemperare alla suddetta decisione della Commissione si rende necessaria la definizione di una metodica, inesistente a livello europeo, che standardizzi quei criteri necessari per valutare la misura del colore che sia applicabile a cementi/clinker.

Per vagliare preventivamente le concrete esigenze del mercato, dal 16 gennaio il progetto è sottoposto all'inchiesta pubblica preliminare (vai alla banca dati >>), che terminerà venerdì 31 gennaio. Entro tale data è possibile inviare commenti e segnalare il proprio interesse a partecipare ai lavori.

 

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.