Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

E' stata pubblicata oggi la prassi di riferimento "Infrastrutture Critiche – Sistema di gestione della resilienza – Requisiti" (UNI/PdR 6:2014).
Frutto della collaborazione con AIPSA - Associazione Italiana Professionisti Security Aziendale, il documento specifica i requisiti di un sistema di gestione della resilienza delle Infrastrutture Critiche, per consentire a un’organizzazione, in qualità di proprietario o operatore, di stabilire il contesto di riferimento, definire, pianificare, attuare, eseguire, verificare, riesaminare e migliorare la propria resilienza.
In particolare, con riferimento all’analisi del proprio contesto di riferimento, l’organizzazione deve definire e attuare un processo di raccolta, analisi e condivisione di intelligence: essa ricopre un ruolo chiave nella gestione della resilienza di ogni infrastruttura e, in particolare modo, nel caso delle Infrastrutture Critiche. Inoltre, con riferimento all’attuazione del sistema di gestione della resilienza, il documento specifica i requisiti del Piano di Sicurezza dell’Operatore (PSO) ai fini di assicurare una pianificazione, un funzionamento e un controllo efficace dei processi relativi ai rischi ai quali l’Infrastruttura Critica è esposta.

L’integrazione della resilienza organizzativa nelle Infrastrutture Critiche diventa cruciale e deve coinvolgere l’organizzazione al suo interno e al suo esterno, comprese le relative parti interessate, poiché un’Infrastruttura Critica sviluppa, produce e fornisce beni e servizi critici ed essenziali per il mantenimento delle funzioni vitali della società, della salute, della sicurezza e del benessere economico e sociale della popolazione. Il documento è concepito per essere di integrazione alla Direttiva 2008/114/CE (sulla individuazione e designazione delle infrastrutture critiche europee e sulla valutazione della necessità di migliorarne la protezione) e di supporto alle organizzazioni nella gestione della resilienza: esso è applicabile alle organizzazioni titolari o gestori di Infrastrutture Critiche, che operano nel settore dell’energia e nel settore trasporti, ma può essere altresì applicato ad altri settori a cui l’Infrastruttura Critica si riferisce. Tali altri settori comprendono: i sistemi di comunicazione e di tecnologia dell’informazione; la finanza; il sistema sanitario; l’approvvigionamento alimentare; l’approvvigionamento idrico; la produzione, l’immagazzinamento e il trasporto di sostanze pericolose; l’amministrazione.

La prassi di riferimento è stata elaborata sia in italiano sia in inglese, con l’obiettivo di far assumere al documento una valenza transnazionale affinché quindi questo possa essere preso come modello di riferimento anche da parte di organizzazioni di altri Paesi. A completamento della prassi di riferimento è stata aggiunta una appendice in cui sono riportati i principali riferimenti legislativi nazionali e di regolamentazione comunitaria applicabili a proprietari o operatori di Infrastrutture Critiche.

La prassi di riferimento UNI/PdR 6:2014 “Infrastrutture Critiche – Sistema di gestione della resilienza – Requisiti” è disponibile e liberamente scaricabile dal sito internet nella sezione INNOVAZIONE > Le Prassi di riferimento > Scarica le prassi pubblicate.

Direzione Relazione Esterne, Sviluppo e Innovazione
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.