Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Definire i requisiti per la qualificazione della figura professionale dell'insegnante di yoga: questo l'obiettivo del progetto U08000140 "Attività professionali non regolamentate - Insegnante di yoga - Requisiti di conoscenza, abilità e competenza" in inchiesta preliminare dal 16 al 31 gennaio.

La futura norma intende specificare i requisiti – in conformità all'EQF – per i professionisti dell'insegnamento dello yoga, da intendersi quale un servizio professionale primariamente culturale/intellettuale. Si riferisce a ogni possibile ambito, individuale o aggregativo, nel quale l'insegnante di yoga presta la propria competenza per il miglioramento del benessere fisico, psicologico, relazionale, emozionale, spirituale della persona.

Si reputa necessario avviare i lavori di normazione in quanto risultano poco chiari gli elementi che devono sussistere affinché un soggetto possa definirsi un insegnante professionista di yoga. In particolare, si rileva una diffusa tendenza – erronea – ad identificare lo yoga come una disciplina meramente fisica, di natura sportiva, parificabile a un genere di ginnastica posturale. Un'altra tendenza minoritaria identifica lo yoga come una sorta di religione settaria, dai tratti orientaleggianti. Dall'esercizio di pratiche abusivamente ricondotte allo yoga proposte da soggetti che non hanno una adeguata formazione, l'utenza può venire danneggiata sia fisicamente che sotto il profilo psicologico, morale, ma anche economico.

La normazione si rende necessaria, dunque, in primis a tutela dell'utenza, affinché sia chiaro che cosa sia lo yoga, quali scopi ci si prefigga di raggiungere attraverso l'insegnamento dello stesso e quali competenze debba avere un soggetto che si proponga come insegnante qualificato. In secondo luogo essa è opportuna allo scopo di individuare con certezza e potenziare il riconoscimento professionale dell'insegnante di yoga.
Dalla normazione ci si attendono i seguenti benefici:

  • per l'utenza una garanzia in merito alla competenza vantata dal professionista;
  • per il professionista un riconoscimento istituzionale a garanzia della qualità e della competenza in ambito operativo;
  • per l'utenza e per il professionista, nonché per eventuali organismi professionali interessati, una chiara individuazione dei tratti specifici dell'attività professionale dell'insegnante di yoga.

Il progetto, di competenza della Commissione tecnica Attività professionali non regolamentate, rimarrà in inchiesta pubblica preliminare sino al 31 gennaio. Entro tale data è possibile inviare commenti utilizzando le apposite pagine online sul sito internet (>> vai alla banca dati) e segnalare l'eventuale interesse a partecipare ai lavori normativi.

 

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.