Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Il 40% delle imprese USA la fanno, percentuale che arriva al 63% per quelle con più di 10.000 dipendenti. Dati antecedenti al crack bancario (2008) quantificavano nel 25% la quota di lavoratori sottoposti a stress finanziario (incertezza sul futuro, incapacità di scelte adeguate, debiti…) che causava la perdita di 20 ore/mese di lavoro all’anno per un costo di 7.000 USD pro capite al datore di lavoro.

forum educazione finanziaria 2013L’educazione finanziaria migliora la produttività dei lavoratori e riduce i costi legati allo “stress finanziario”, ecco perché le imprese USA investono per offrirla ai propri dipendenti. Secondo i dati presentati ieri da Charles Cotton (Chartered Institute for Personnel Development) al IV “Forum Internazionale della Consulenza ed Educazione Finanziaria” (vd. servizio ADNKronos "Crisi: curare lo stress finanziario fa bene. Per ogni euro speso se ne incassano quasi cinque"), nel Regno Unito 1 sterlina spesa in educazione finanziaria dà un ritorno all’impresa di 6,60 sterline!

Per dare risultati positivi, però, l’educazione finanziaria deve rispettare alcune condizioni: imparzialità, indipendenza, qualificazione degli educatori, portare i discenti a riconoscere i bisogni e definire gli obiettivi di vita.

mi 5dicembre2013 plateaI dati sono stati presentati giovedì 5 dicembre, al workshop “Educazione finanziaria di qualità: invito all’Azione44” organizzato dal partenariato composto dal Comune di Milano, dal Laboratorio di Statistica Applicata dell’Università Cattolica, da Progetica e UNI per proporre alle imprese, alle pubbliche amministrazioni e alle organizzazioni del terzo settore di partecipare gratuitamente alla sperimentazione del progetto Azione44, per l’educazione finanziaria di qualità dei cittadini di Milano.
La caratteristica che differenzia Azione44 dagli altri progetti di educazione finanziaria è che il processo di costruzione e ricostruzione del rapporto di fiducia tra clienti/cittadini e operatori finanziari che è necessario per una educazione finanziaria credibile si fonda sulla qualità della prestazione che ha un riferimento autoregolamentato (non autoreferenziale!), riconosciuto, condiviso, trasparente, democratico: cioè la norma UNI 11402 “Educazione finanziaria del cittadino - Requisiti del servizio”.

Le testimonianze di IKEA e INAIL Lombardia hanno confermato la bontà dei risultati delle due fasi pilota di Azione44 che si sono svolte nei mesi scorsi, che i dati di Andrea Bonanomi del Laboratorio di Statistica Applicata dell’Università cattolica hanno confermato: tutti gli indici di conoscenza e capacità sono migliorati dopo avere frequentato il corso, in particolare quelli di autovalutazione delle proprie conoscenze finanziarie e quelli relativi alla capacità di controllo dei comportamenti finanziari. Il campione (rappresentativo della popolazione milanese) ha dato risultati uniformi indipendentemente dai fattori di età, ceto, sesso con l’eccezione del fattore “educazione”: infatti la parte meno scolarizzata del campione ha avuto miglioramenti sorprendenti per quanto riguarda il comportamento finanziario e l’indicatore generico di “felicità”: l’educazione ha quindi inciso particolarmente su una fascia potenzialmente più debole e bisognosa, in una vera ottica di welfare.
E’ stata sottolineata l’importanza che circa il 10% del campione abbiano sottoscritto o usato nuovi strumenti finanziari in seguito all’educazione ricevuta, mostrando segnali concreti di modifica del comportamento (valutabile appieno solo nel medio/lungo periodo) che sono proprio il risultato di un’educazione efficace. I miglioramenti più importanti sono stati riscontrati a livello culturale, di atteggiamento, di conoscenza e di comportamento.

I prossimi passi di Azione44 sono la partenza della fase sperimentale (che dovrebbe riguardare circa 2.000 persone) a gennaio, l’apertura di un portale internet e – nel corso dell’anno – l’apertura di sportelli fisici di assistenza sul territorio milanese.

Le relazioni presentate nel corso del workshop sono disponibili, in formato PDF, nella sezione PARTECIPAZIONE > Eventi > Documentazione scaricabile.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.