Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

serbatoiGli esempi applicativi più importanti delle strutture a guscio nell'ingegneria civile sono rappresentati da serbatoi, silos, cupole, condotte, tubazioni... In tutte queste tipologie strutturali, visto il regime di sforzi prevalentemente membranale, è possibile di regola adottare spessori della parete del guscio piuttosto sottili. Ciò rende la struttura particolarmente esposta ai problemi di instabilità locale, soprattutto nei casi in cui si riscontrano elevati valori della sollecitazione di compressione.

La necessità di disporre di valide regole per la previsione della risposta delle strutture a guscio nelle diverse situazioni operative, ed in special modo per la valutazione dell'effetto delle imperfezioni di forma iniziali sulla resistenza all'instabilità, ha fortemente influito anche sui provvedimenti della normativa, che si è evoluta di recente con l'introduzione di regole specifiche atte a portare in conto in maniera accurata tutti gli aspetti comportamentali dei gusci.

Il documento UNI EN 1993-1-6 Resistenza e stabilità delle strutture a guscio costituisce la parte dell'Eurocodice 3 espressamente volta a fornire regole di calcolo e di verifica per le strutture in parete piena a semplice o doppia curvatura. Essa è da intendersi come parte generale di riferimento da adoperarsi in maniera congiunta alle UNI EN 1993-3-1: Torri, pali e ciminiere, UNI EN 1993-4-1: Silos, UNI EN 1993-4-2: Serbatoi e UNI EN 1993-4-3: Condotte, che trattano invece in maniera prevalente gli aspetti legati alla progettazione e all'esecuzione delle corrispondenti categorie strutturali.

La UNI EN 1993-1-6 sui gusci di acciaio è omologa alla UNI EN 1999-1-5: Strutture a guscio, dedicata ai gusci in alluminio.

Un articolo dedicato alla norma UNI EN 1993-1-6, redatto da Federico M. Mazzolani dell'Università di Napoli Federico II e Alberto Mandara della Seconda Università di Napoli, verrà pubblicato su uno dei prossimi numeri della rivista U&C-Unificazione&Certificazione.

 

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.