Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

video premiouni2014In apertura della Assemblea dei Soci (vd. articolo), che si è tenuta martedì 29 aprile, si è svolta come da tradizione la cerimonia del Premio Paolo Scolari, giunto quest'anno alla sua ottava edizione. Un premio nato per dare un riconoscimento visibile a coloro che hanno contribuito ad accrescere e a consolidare il ruolo dell'UNI nel sistema economico e sociale del Paese.

Ben 14 le candidature pervenute, tra le quali sono stati individuati i cinque vincitori, premiati per l'impegno profuso tanto nell'attività normativa tradizionale, quanto nella valorizzazione dei prodotti e delle tecnologie nazionali e nello sviluppo politico-istituzionale della normazione e del suo ruolo innovativo.

umberto costa2014Umberto Costa, presidente della Commissione "Cemento, malte, calcestruzzi e cemento armato", ha ricevuto il riconoscimento per l'impegno pluriennale profuso nella definizione delle norme tecniche necessarie a supportare lo sviluppo di un settore fondamentale per l’economia nazionale, quello delle costruzioni. In particolare è nell'ambito dei materiali che il ruolo della normazione tecnica dispiega il suo potenziale: "è l'esigenza della sicurezza nel loro uso, spesso in ambito strutturale, e al tempo stesso la necessità di definire le loro proprietà in termini definiti e riproducibili che porta in primo piano l'importanza delle norme nel campo dei materiali edilizi", sottolinea Umberto Costa. Ma esiste anche un altro aspetto che va messo in luce ed è l'attività normativa stessa: "sui tavoli della normazione", aggiunge Costa, "si incrociano le conoscenze tecniche-teoriche e le esigenze degli applicatori. Questo è un forte stimolo per l'innovazione dei prodotti e dei processi".

ettore piantoni2014 1Un concetto sviluppato anche da Ettore Piantoni, coordinatore del gruppo di lavoro CTI 203 sull'uso razionale e gestione dell'energia, premiato per l'impegno continuo svolto nell'attività di normazione in questo delicato settore: "la normazione è l'elemento di sviluppo e di innovazione più potente che abbiamo in mano in questo momento. Essa favorisce lo sviluppo di idee e di tecnologie". Per questo Piantoni esprime l'auspicio che "le norme siano strumenti sempre meno invisibili e che, al contrario, siano portate sempre più alla conoscenza di tutti".

paolo murelli2014Le norme sono dunque riconosciute come un efficace strumento di innovazione, ma anche come un elemento fondamentale per competere sui mercati internazionali. E' questo un tema messo in evidenza da Paolo Murelli, responsabile qualità di MAPEI e coordinatore del GL "Adesivi per piastrelle" che opera in seno alla Commissione "Prodotti, processi e sistemi per l'organismo edilizio".
Il suo premio è dovuto alla competente attività nei lavori di normazione nazionali, europei e internazionali in un settore, quello dei materiali per l'installazione di piastrelle ceramiche, tra i più rappresentativi del Made in Italy. E' un ambito complesso, in cui giocano molti attori. "Ma nei tavoli internazionali ci siamo conquistati nel tempo uno spazio di primo piano".

gabriele capolino2014Gabriele Capolino, direttore ed editore associato di MF-Milano
Finanza, è stato invece premiato per la visibilità e la valorizzazione che ha saputo dare alla normazione tecnica in un settore non tradizionale ma di enorme importanza per il cittadino/consumatore: quello della consulenza e della educazione finanziaria.
Non potendo essere presente, Capolino ha inviato un breve filmato nel quale ha voluto sottolineare l'importanza svolta dalle norme tecniche nel dare riferimenti di qualità in un campo, quello finanziario, in cui il cittadino è spesso veramente un soggetto debole, privo di adeguate garanzie e punti di riferimento.

pecce martinelli2014L'ultimo premio è stato consegnato a Luisa Pecce Bamberga e a Giulia Martinelli, del Consiglio delle donne del Comune Bergamo, per "l'applicazione del concetto di ‘diritto mite’, tramite l’identificazione, la valorizzazione e l’applicazione pratica delle sinergie tra regolamentazione cogente e normazione tecnica volontaria in tema di pianificazione urbanistica e progettazione edilizia ai fini della prevenzione del crimine urbano".
La vivibilità e la sicurezza degli spazi urbani è senza dubbio uno di quegli ambiti in cui il ruolo della normazione tecnica è meno visibile. Eppure anche in questo ambito esso è di grande rilievo ed efficacia. "Le norme possono veramente agire concretamente in senso positivo nella nostra vita quotidiana", ricorda Giulia Martinelli. Così come i riferimenti ad esse possono essere un elemento migliorativo se inseriti nei regolamenti edilizi, conclude Luisa Pecce Bamberga.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.