Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Il 4 aprile scorso è stato approvato il progetto di prassi di riferimento UNI dal titolo “Linee guida per lo sviluppo sostenibile degli spazi verdi - Pianificazione, progettazione, realizzazione e manutenzione”. Un documento che da oggi, 22 aprile, e sino al 21 maggio prossimo viene sottoposto a consultazione pubblica (vd. Le prassi di riferimento/Consultazione).
Si tratta di un passaggio fondamentale per poter raccogliere le osservazioni del mercato, che saranno poi discusse prima di procedere alla stesura della versione finale da pubblicare.
L'avvio della consultazione pubblica di questo significativo documento tecnico presenta questa volta una felice concomitanza con la Giornata Mondale della Terra ("Earth Day 2014"), che si celebra proprio quest'oggi e il cui tema - "Le città verdi" - si impone come uno degli argomenti più dibattuti, al centro di serie riflessioni e ben avviati progetti. La questione delle green cities ha una sua concretezza: si stima infatti in circa 12 milioni le tonnellate annue di CO2 – quasi il 3% delle emissioni totali del nostro Paese – assorbite dal complesso delle aree verdi urbane italiane.

Il progetto di prassi di riferimento, frutto della collaborazione tra UNI e le Associazioni Landeres e BAI – Borghi autentici d'Italia, fornisce una serie di linee guida per lo sviluppo sostenibile degli spazi verdi urbani e periurbani - quali parchi e giardini pubblici e privati, parchi e giardini storici pubblici e privati, alberate stradali, verde a corredo delle infrastrutture, parcheggi alberati, percorsi ciclo-pedonali, ecc - orientando la pianificazione, la progettazione, la realizzazione, la manutenzione degli stessi, nonché la produzione di materiale vegetale.
Lo scopo della prassi di riferimento è di individuare degli obiettivi di qualità ambientale, economica e sociale relativi alla gestione territoriale.
L’attività di elaborazione della prassi di riferimento, coordinata da UNI, ha visto il contributo degli esperti delle Associazioni Landeres, BAI e del sistema UNI.

Il progetto è ora sottoposto alla fase di consultazione pubblica, sino al 21 maggio 2014, al fine di raccogliere osservazioni da parte del mercato. Il documento può essere utilizzato a supporto dell'applicazione della Legge "Norme per lo sviluppo degli spazi verdi urbani" (n.10 del 14 gennaio 2013, GU n.27 dell'1 febbraio 2013, in vigore dal 16 febbraio 2013), consentendo a tutti i soggetti coinvolti nella filiera della gestione del paesaggio - amministrazioni pubbliche, professionisti del settore (progettisti, manutentori, vivaisti) e società civile – di orientare politiche integrate di sostenibilità urbana finalizzate all’estensione e alla qualità degli spazi verdi e alla realizzazione di servizi eco-sistemici. In questo senso, il documento si basa su tre pilastri principali:

  • rafforzare la biodiversità e la resilienza per implementare la rete ecologica e sociale su scala locale;
  • adottare buone pratiche per la progettazione, il mantenimento e la gestione degli spazi verdi e per la produzione vegetale;
  • applicare un metodo di gestione a basso input energetico, fisico ed economico.

Per lo sviluppo sostenibile degli spazi verdi la prassi di riferimento individua una serie di azioni tramite le quali è possibile conseguire 15 obiettivi di qualità.

Si ricorda che le prassi di rifermento sono documenti che introducono prescrizioni tecniche o modelli applicativi settoriali di norme tecniche, elaborati sulla base di un rapido processo di condivisione ristretta ai soli autori, e costituiscono una tipologia di documento para-normativo nazionale che va nella direzione auspicata di trasferimento dell’innovazione e di preparazione dei contesti di sviluppo per le future attività di normazione, fornendo una risposta tempestiva ai mercati in cambiamento.

Per informazioni contattare:
Direzione Relazione Esterne, Sviluppo e Innovazione
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.